PTOF e ALTRO PTOF Pizzini Pisani - Page 100

• presenza di un gruppo di lavoro per l’inclusività (GLI) che svolga funzione di raccordo di tutte le risorse specifiche e di coordinamento presenti nella scuola; • Elaborazione del PAI, Piano Annuale per l’Inclusività. Il nostro Istituto si propone di attuare percorsi e azioni che favoriscano l’accoglienza, la solidarietà, l’integrazione. In particolare l’attenzione è posta su: • integrazione degli alunni disabili; • integrazione e sostegno degli alunni in situazione di svantaggio; • individuazione e supporto alunni DSA; • accoglienza degli alunni stranieri; • accoglienza degli alunni nuovi iscritti. L’integrazione degli alunni con disabilità ha come obiettivo lo sviluppo delle singole potenzialità nell’apprendimento, nella comunicazione e nella socializzazione degli studenti. All’individuazione dell’alunno disabile da parte delle strutture sanitarie pubbliche competenti, fa seguito la formulazione del Profilo Funzionale (P.F.). Quest’ultimo descrive in modo analitico i possibili livelli di risposta dell’alunno con disabilità, riferiti alle relazioni in atto e a quelle programmabili. Il P.F. è strumento di fondamentale importanza per l’elaborazione del Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.), nel quale sono descritti gli interventi integrati ed equilibrati tra di loro, con la programmazione di classe e in coerenza con le attività extrascolastiche di carattere riabilitativo e socio-educativo, predisposti per l’alunno in un determinato periodo di tempo, ai fini della realizzazione del diritto all’educazione e all’istruzione. A tal fine saranno attuati percorsi di formazione per i docenti di sostegno e progetti e proposte formative da parte di enti o associazioni o dal MIUR. Alcune delle cause del disagio che possono trasformarsi in insuccesso scolastico ed infine in abbandono o dispersione sono sicuramente da individuare nella condizione socio-culturale della famiglia, l’irregolarità della carriera scolastica causata da disturbi specifici dell’apprendimento (dislessia, disgrafia, disortografia, discalculia) non individuati e/o diagnosticati; le dinamiche soggettive dello studente (emarginazione, demotivazione, bassa autostima); le difficoltà relazionali all’interno 99