PTOF e ALTRO PTOF Pizzini Pisani - Page 57

 attuazione di modalità di apprendimento flessibili che colleghino la formazione in aula con l'esperienza pratica coerentemente con i nuovi ordinamento del secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione;  arricchire la formazione acquisita nei percorsi scolastici e formativi con l'acquisizione di competenze spendibili anche nel mercato del lavoro;  favorire l'orientamento dei giovani per valorizzarne gli interessi, gli stili di apprendimento individuali, le vocazioni personali;  favorire la partecipazione attiva di tutti i soggetti coinvolti (scuole, imprese, enti pubblici e/o privati) nei processi formativi degli studenti;  potenziare le capacità di utilizzare le tecnologie informatiche sia nella di produzione di testi, sia nella gestione del sistema informativo aziendale;  accrescere la motivazione allo studio;  potenziare le conoscenze della lingua inglese, soprattutto riferita alle possibilità di nuovi orizzonti lavorativi;  valorizzare le potenzialità del proprio territorio attraverso la conoscenza e il confronto con contesti internazionali nell’ottica di imparare dalle best practices. Enti e istituzioni territoriali presso cui si svolge il periodo di alternanza scuola/lavoro:  Enti locali  Università  ASP  Imprese di costruzioni  Studi commerciali, tributari e legali  Officine meccaniche e centri di assistenza e di revisione meccanica Valutazione delle competenze nei percorsi di alternanza scuola-lavoro L’alternanza scuola – lavoro implica un modello di scuola diverso rispetto a quello tradizionalmente fondato esclusivamente sulle conoscenze. Se la scuola è il luogo privilegiato della conoscenza formale l’impresa è il luogo in cui ognuno assolve compiti specifici facendo uso di tutte le proprie risorse per raggiungere un risultato concreto. 56