Pallavoliamo Gennaio 2014 - Page 91

il pattinaggio con l’artistico, e che sono letteralmente terrorizzata dalla velocità! “Il segreto per non avere paura, e credo anche in fondo l’unico modo per fare le cose che facciamo in questi sport dove la velocità è tutto, è iniziare da piccolini. Mi ricordo alcuni allenamenti di quando ero bambina, fatti allo Stadio dei Marmi del Foro Italico... i gradoni li facevo con i pattini, saltavo da altezze notevoli, soprattutto rispetto alla mia altezza di allora, cose che adesso, ripensandoci, non so se farei! Oggi, a pensarci bene, ogni giorno in allenamento faccio comunque cose abbastanza pericolose: spesso il mio riferimento è un’automobile, che seguo viaggiando anche a 60 km orari... una piccola buca o un sassolino potrebbero essere molto deleteri a quella velocità, e una volta partiti, non è così facile essere consapevoli della propria andatura e rallentare! Per questo è molto meglio affidarsi ad un mezzo che può controllarla per te, oltre a mantenere un certo equilibrio nella spinta, senza strafare. D’altra parte, la maratone si corre proprio su un percorso aperto, chiuso al traffico durante la gara, e non in pista, quindi bisogna anche saper affrontare questo tipo di incognite”. Anche pensando alle gare di pattinaggio in velocità, e cercando qualche immagine da associare alle parole di Francesca, mi accorgo che gli unici pattini che riesco a pensare ai piedi degli atleti sono quelli che al 91