PROJOB ITALIA PROJOB ITALIA 2019 - Page 58

MATERIALI: COTONE Il cotone è un materiale soffice, confortevole e traspirante. Il cotone twill utilizzato per i nostri capi è particolarmente resistente e robusto. POLIESTERE/COTONE La combinazione di poliestere e cotone conferisce al tessuto maggiore resistenza all’usura. La traspirabilità del cotone unita alla solidità di tinta delle fibre in poliestere fanno sì che gli indumenti mantengano nel tempo forma e colore, caratteristica importante per capi sottoposti a frequenti lavaggi. Filato utilizzato per la creazione di capi a contatto con la pelle (primo strato), ottima capacità di traspirazione e di espulsione dell’umidità verso l’esterno: l’abbigliamento intimo rimane asciutto e maggiormente confortevole. Materiale che garantisce un efficace isolamento contro il caldo ed il freddo: disperde il calore in eccesso ed isola dagli agenti esterni. Mantiene la temperatura corporea ottimale ed è particolarmente utilizzato per capi intermedi (secondo strato). Tessuto ad alta traspirabilità, espelle efficacemente umidità e calore in eccesso verso l’esterno. Resiste a pioggia, neve, vento. Protettivo ed elastico, molto adatto per capi esterni (terzo strato). Tessuto extra-protettivo contro gli agenti esterni, molto resistente ed adatto per capi da indossare anche in condizioni ambientali estreme. VENT AIR ® è una membrana altamente tecnica, idro-repellente ed anti-vento con notevoli proprietà traspiranti: mantiene il corpo asciutto e protegge dagli agenti climatici. Brevetto esclusivo del marchio Sportswear CRAFT ® . Il metodo «SPUN-DYED» prevede la tintura della fibra prima della filatura e tessitura (tinto in filo), aumentandone la resistenza ai detersivi aggressivi ed alla luce solare. In questo processo, l’eliminazione della fase di immersione, riduce drasticamente l’utilizzo di acqua, additivi chimici e risorse energetiche a beneficio dell’ambiente. Marchio DuPont che identifica un materiale in poliammide estremamente resistente ed elastico. Utilizzato per rinforzare le parti più esposte all’usura. Marca leader e di alta qualità nella produzione di cerniere. 58 LE NORMATIVE EN ISO 20471 L’abbigliamento ad alta visibilità è un importante dispositivo di protezione individuale (D.P.I.). Garantisce a chi lo indossa la massima protezione possibile. In Europa le specifiche caratteristiche richieste per ottenere la certificazione sono descritte dalle norme EN. I capi che possiedono questi requisiti di sicurezza si distinguono per il marchio obbligatorio CE. Severi test effettuati dall’organismo competente e la successiva etichettatura CE, garantiscono la conformità alle norme vigenti. ABBIGLIAMENTO AD ALTA VISIBILITA’ PER USO PROFESSIONALE L’etichettatura interna con marchio CE è obbligatoria. Il capo deve rispondere ai requisiti previsti dalla norma EN 471. Tale norma definisce i colori, la posizione della parte rifrangente e quali informazioni devono essere apposte sull’indumento. Il disegno stesso del capo deve rispondere a determinati requisiti per offrire la massima visibilità possibile. La norma prevede tre classi che si distinguono per l’area di superficie fluorescente e l’area di superficie rifrangente sul capo. CLASSE 1 È il livello più basso di protezione. La superficie fluorescente non deve essere inferiore 0,14 m 2 , la superficie rifrangente non inferiore a 0,10 m 2 . L’utilizzo è obbligatorio nei parcheggi o nelle strade in presenza di pochi veicoli in traffico lento. CLASSE 2 È il livello intermedio di protezione. La superficie di materiale fluorescente non deve essere inferiore a 0,50 m 2 , la superficie rifrangente non inferiore a 0,13 m 2 . L’utilizzo è obbligatorio nei cantieri e nelle aree di carico dove non è obbligatorio l’uso di indumenti in classe 3. CLASSE 3 È il livello massimo di protezione. La superficie fluorescente non deve essere inferiore a 0,80 m 2 , la superficie rifrangente non inferiore a 0,20 m 2 . L’utilizzo è obbligatorio in condizioni di traffico intenso e rapido, indipendentente dal flusso. L’ applicazione di stampe e ricami con materiali non certificati, può ridurre la superfice fluorescente del capo ed abbassare la classe di protezione. Se ne sconsiglia quindi l’applicazione.