Piano di Miglioramento PTOF Pizzini Pisani - Page 76

Inclusione e Orientamento Inclusione La scuola, coerentemente con le linee educative indicate nel Ptof, nell’obiettivo di riconoscere le diversità, valorizzare ogni individuo, individuare soluzioni adeguate ai diversi problemi, predispone un piano annuale per l’inclusività ad integrazione del piano dell’offerta formativa, riconoscendo i diversi Bisogni Educativi degli alunni che, in forma ed ambiti diversi, evidenziano difficoltà. Gli strumenti che il piano prevede di adottare sono: • l’elaborazione di PDP per alunni con difficoltà certificate; • l’elaborazione di PDP per alunni le cui difficoltà siano evidentemente diagnosticate, e per i quali, concordemente con la famiglia, il Consiglio di Classe/team docenti reputi necessario adottare strumenti specifici; • interventi didattici specifici relativi all’apprendimento della lingua per alunni con cittadinanza non italiana e, solo nel caso in cui siano evidenziate problematiche di altro tipo, la formalizzazione di un PDP; • presenza di un gruppo di lavoro per l’inclusività (GLI) che svolga funzione di raccordo di tutte le risorse specifiche e di coordinamento presenti nella scuola; • Elaborazione del PAI, Piano Annuale per l’Inclusività. Il nostro Istituto si propone di attuare percorsi e azioni che favoriscano l’accoglienza, la solidarietà, l’integrazione. In particolare l’attenzione è posta su: • integrazione degli alunni disabili; • integrazione e sostegno degli alunni in situazione di svantaggio; • individuazione e supporto alunni DSA; • accoglienza degli alunni stranieri; • accoglienza degli alunni nuovi iscritti. L’integrazione degli alunni con disabilità ha come obiettivo lo sviluppo delle singole potenzialità nell’apprendimento, nella comunicazione e nella socializzazione degli studenti. All’individuazione dell’alunno disabile da parte delle strutture sanitarie pubbliche competenti, fa seguito la formulazione della Diagnosi Funzionale (D.F.), presupposto per la compilazione del Profilo Dinamico Funzionale (P.D.F.). Quest’ultimo descrive in modo analitico i possibili livelli di risposta dell’alunno con disabilità, riferiti alle relazioni in atto e a quelle programmabili. Il P.D.F. è 75