Milano Map Fair 2019 catalogo MMF2019 - Page 15

Antiquarius Corso del Rinascimento 63, 00186 Roma Italy - Tel + 39 06 68802941 - Fax + 39 06 68802944 info@antiquarius-sb.com www.antiquarius.it Acquaforte, impressa su carta vergata coeva, con margini su tre lati, rifilata al rame in alto, lievissime tracce di colla alla piega centrale, nel complesso in ottimo stato di conservazione. Dimensioni 492x395 mm. Rarissima carta geografica della regione, dedicata ad Antonio de’ Medici (1576- 1621), il cui ritratto campeggia nella parte sinistra del foglio; incisa da Luigi Rosaccio (anche noto come Aloisio) figlio ed allievo del celebre cosmografo Giuseppe, originario di Pordenone. Priva di data, la carta viene stampata a Firenze, dove la famiglia Rosaccio si era trasferita dopo il periodo veneziano, e dove aveva una stamperia che, in data 28 novembre 1606, ottenne il privilegio di stampa per le proprie opere - cfr. Casali, Il ‘Teatro” del mondo. G. R. (1530 ca-1620 ca) tra Firenze e Bologna, in “L’Europa divisa e i nuovi mondi” Per Adriano Prosperi, II, a cura di M. Donattini - G. Marcocci - S. Pastore, Pisa 2011, p. 56. Dal punto di vista cartografico si tratta di una derivazione del Piemonte di Giacomo Gastaldi (1555). La datazione della carta viene dedotta dalla dedica a Antonio de’ Medici, in cui Luigi Rosaccio dichiara: “Con l’occasione del motivo della Guerra ne Piamonte, ho voluto far la presente Geografia & in segno della molta devotione & reverenza che le porto a quela inviarla […]”. Non è chiaro se il Rosaccio di riferisca alla cosiddetta Guerra del Monferrato (1613-18) o alla precedente Guerra del Piemonte del 1605, ma sicuramente è anteriore al 1621, anno della morte di Antonio. L’opera, sconosciuta a Barrera ed Aliprandi, è citata da Almagià - che la descrive come mediocre derivazione del modello gastaldino. Lo studioso dichiara di conoscere un unico esemplare conservato nella Biblioteca Comunale di Ferrara. Altro esemplare della carta è nel catalogo della Biblioteca Nazionale di Parigi; un terzo è descritto da Ganado nel secondo volume della raccolta fattizia della National Library of Malta. Il rame viene acquistato dalla tipografia De Rossi, come documentato dal catalogo della stamperia romana, dove è descritta come “Il Piemonte, e Monferrato di Luigi Rosaccio, foglio reale per traverso”. Il presente esemplare, magnifico, proviene dalle prestigiosa raccolta di Fritz Hellwig. Bibliografia: R. Almagià, Intorno ad alcune grandi carte d’Italia del secolo XVII, in “L’Universo”, Firenze 1924, p. 860: Indice delle Stampe di Domenico De’ Rossi (1689), p. 6, descritto come “Il Piemonte, e Monferrato di Luigi Rosaccio, foglio reale per traverso”; A. Ganado, Description of a splendid collection of 950 maps and views of the sixteenth and seventeenth centuries at the National Library of Malta, p. 166, n. 137(65). www.milanomapfair.it