La Befana Vien Di Notte Con Le Rime Tutte Rotte - Page 6

NERINA ARDIZZONI ad dir sempar agli uraziòn, par ster in bóna salót e festegèr insèm a tót. La Befana La Vècia Vecchierella come va? Vecchierella un azidènt, da stì dè ansón è cuntènt, tartassati a più non posso, non ci resta neanche l’osso. Me a m’ira abituèda, da stènta ann o zò da dlè, che la pès a gh’ira chè; aviva vèst di cànbiamint, tènti màchin e mutùr, quèsi tót i en profesùr... ma un pariva un gran bel quèl che al mònd al psès cànbier, tót insèm a lavurèr quant bìa quìa sa psìva fèr! Ma a m’ira dasmighèda tót cal brènch ad gran ladròn ch’i l ‘han fata da padròn mitand in bulèta la naziòn. Adès pò l’è ènch pìz, tenta sènt só di barcòn, atentè, rivoluziòn calpestand libartè e pò ènch fraternitè. E s’a guerd avsèn a ca’, è capitè zert quìa, da lasèr móta la cumpagnia. Par furtóna che a si chè, a fer festa insèm a me, par furtóna chi putèn i un slóngan i manèn... St’ann a tót voi regalèr panèton tradizionèl, dal ravióli col savor, da tucèr in dal liquor, mandarén e turùnzen par fer cuntìnt grand e cén. L’è gran unòr pr al mi paès aver sènpar paghè al spès e insèm aver superè quel che la storia l’ha mandè, ènch sta vólta a farèn acsè, arcurdeval tót i dè. Préma che al falò l’un brusa vìa a salòt la cunpagnia, a salòt amìgh e parìnt e av dègh ad ster cuntìnt, e al prit l’arcmandaziòn Vecchierella come va? Vecchierella un accidente, di questi giorni nessun è contento, tartassati a più non posso non ci resta neanche l’osso. Io mi ero abituata, da settant’anni o giù di lì che la pace c’era qui, cambiamenti ce n’erano stati, tante macchine e motori, quasi tutti professori …, ma mi sembrava un bell’affare che il mondo potesse cambiare, tutti insieme a lavorare quante cose belle avremmo potuto realizzare! Ma non avevo considerato quel branco di ladroni che l’han fatta da padroni, mettendo in ginocchio la nazione. Adesso poi è anche peggio, tanta gente sui barconi, attentati, rivoluzioni calpestando libertà e poi anche fraternità. E se guardo vicino a casa, (1) son capitati certi fatti da lasciar senza parole tutti. Per fortuna che stasera ci siete, e insieme a me festeggiate, per fortuna che i bambini mi allungano le manine... Quest’anno a tutti voglio regalare panettone tradizionale, raviole con la marmellata da bagnare nel liquore, mandarini e torroncini per far felici grandi e piccini. È un grande vanto per il mio paese aver sempre pagato le spese e insieme, aver superato quel che la storia ci ha mandato. Anche questa volta andrà così, ricordatevelo tutti i dì. Prima che il falò mi porti via saluto la compagnia, saluto amici e parenti e vi dico di star contenti e al parroco la raccomandazione di dir sempre un’orazione per stare in buona salute e festeggiare insieme a noi. (1) Il paese è Renazzo.