Inducas Italia eBook Inducas Mentori - Page 16

Il denominatore comune utilizzato nelle mie esperienze è stato il rispetto: pretenderlo e darlo. Altra cosa che ho sempre visto essere importante e foriera di buoni risultati è la coerenza: nel comportamento, nelle scelte didattiche, nel rapporto con le famiglie. Cristina Minelle Disciplinare gli studenti è essenzialmente una questione di strategia nella gestione di una classe considerando il fatto che gli studenti possono imparare meglio e velocemente in un ambiente di classe calmo. Di certo è necessario tenere presente la realtà dalla quale ogni studente proviene e come spesso dico è necessario essere consapevoli che gli studenti di oggi fanno parte delle energie rinnovabili in quanto restare fermi per lunghi tempi è quasi impossibile per loro. Pertanto ritengo che sia saggio tenere costantemente impegnati gli studenti affidando loro compiti che permettano loro anche di potersi alzare per poter collaborare nel processo di apprendimento che i compagni di classe. Cira Serio Come ottenere il rispetto degli studenti per me e per i loro compagni? I ragazzi spesso considerano gli insegnanti pieni di "pregiudizi" perché non cambiano idea, per quanto essi cerchino disperatamente di attirare la loro attenzione. Ecco perché l'insegnante non dovrebbe mai dimenticare che è sempre "l'oggetto del desiderio" dei suoi ragazzi. Essi cercano solo di farsi accettare, in una fase della crescita in cui l'accettazione è fondamentale. È una relazione d'amore che i ragazzi disperatamente cercano con gli insegnanti, che chiedono, a volte urlando in maniera scomposta. Noi insegnanti abbiamo un compito dal quale non potrà che derivarne autorevolezza e rispetto: Costruire legami affettivi e attraverso questi costruire l'identità, perché senza riconoscimento non si costruisce identità. E se non c'è costruzione di identità a scuola (come a casa), si rischia che i giovani la cerchino altrove, nella strada, nelle droghe, nelle esperienze estreme. La nostra società non può permettersi di perdere per strada i giovani, di lasciarli indietro. Il costo sociale, culturale, economico sarebbe troppo alto da pagare, per tutti noi. Marianna Morgigno Semplicemente rispettandoli nei loro bisogni formativi e sociali. I ragazzi non devono venire a scuola per farci un piacere, ma devono ritenere utile e non sprecato quel tempo che trascorrono in classe con altre persone, molte volte troppe Maria Nica Credo che sia importante promuovere il senso di appartenenza degli studenti ad un gruppo-classe. Gli alunni 16