IL SUD ON LINE MAGAZINE 59 - Il Sud On Line - 15 aprile 2019 - Page 25

Quasi un miliardo di euro per investimenti e sviluppo infrastrutturale ottenuti dal Ministero per i Beni Culturali per l’intero Paese. Per il Sud - Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia - sono previsti poco più di 164 milioni. La Campania, seconda regione dopo il Lazio per la quale sono previsti 177 milioni, riceverà 107 milioni di euro. Saranno usufruibili dal 2021 al 2033.Gli interventi riguardano cinque macrocategorie: edilizia pubblica (367), prevenzione rischio sismico (324), eliminazione delle barriere architettoniche (220), investimenti in riqualificazione urbana e sicurezza delle periferie (28), digitalizzazione (27).Il 48 per cento degli interventi riguarda l’edilizia pubblica, la prevenzione del rischio sismico è il 30 per cento; 5 per cento per le periferie, barriere architettoniche 14 per cento, 3 per cento digitalizzazione.La voce più importante per la Campania (23 milioni) è per il miglioramento sismico e il restauro delle componenti strutturali della Reggia di Capodimonte. Ma non mancano interventi a Mercogliano, a Nola, a Cerreto Sannita. A Anacapri (restauro Casa Rossa).In Puglia sono previsti interventi soprattutto di prevenzione del rischio sismico. In Calabria oltre alla prevenzione del rischio sismico si punta sull’eliminazione delle barriere architettoniche. In Basilicata si interviene a tutto raggio (chiesa di S.Domenico e complesso di S.Agostino a Matera, Palazzo D’Aragona a Sasso di Castalda).In Sicilia i luoghi di intervento sono tre, di edilizia pubblica, sostanzialmente rivolti all’impiantistica di non ben specificate sedi di Catania – due - e Ragusa. Per quest’ultima città si prevede il completamento della scaffalatura compattabile dei depositi di materiale archivistico: 50mila euro.

Whatsapp, insultano il capo: licenziate

There are many variations of passages of Lorem Ipsum available, but the majority have suffered alteration in some form, by injected humour, or randomised words which don't look even slightly believable.

Avevano parlato male del capo. Si erano sfogate come succede tra colleghi, dopo un’arrabbiatura. E lo avevano fatto

sulla chat di WhatsApp del lavoro (da cui il datore era escluso), quella che nelle intenzioni originarie era destinala agli scambi sui turni e che invece, mese dopo mese, era diventata un luogo virtuale per chiacchiere tra amiche.

Lo scherzetto, però, è costato il licenziamento a due ventinovenni assunte a tempo indeterminato in una piccola azienda del Parmense che si occupa di confezionamento di prodotti alimentari e ortofrutta. Una collega ha stampato gli scambi «incriminati» facendoli leggere al titolare dell’impresa, che a gennaio ha inviato alle operaie una contestazione disciplinare e, dopo qualche giorno, la lettera di licenziamento.

Contrary to popular

Lorem Ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem Ipsum has been the industry's standard dummy text ever since the 1500s, when an unknown printer took a galley of type and scrambled it to make a type specimen book.

Beni culturali, 177

milioni di euro al Sud

IL PIANO