Il foglio dell'Umanitaria n° 1 - Page 44

Cl E lUI t,llll111Ho eli ricordi che H01'gouo, dl(\ !od ROyrapp011gOl10 1 l'anno pill'tirn VCl'l'\O l'illn~rosilllih', clIC d'\1I1l0 la ~ellf.laili()l1e d(·l troppo vn~to, di ulla vita Vil-\H1l1a e lllltrita di tutti i dolO1'i, di tntte le HIIWreZ7,C, di tutti ~1i l'\('ollfoL'ti e tInl'ho di llla~lIili('be Hoddi:-;faziolli. E fil Intto qll(,l'lto che ha logorato gli ultimi HlIlli della ~lIa vita <]lIando la fiue dtlhl IlHttul'ità el1l'\' a tutte le l>aldamw e le gl'lll'rol-\ità giovullili , ' el'HO il tranquillo e incol1Heio Cg0 1HllIO della v('cchinia. Ella 110n ('olloblw. CIneHla dpcadellz.n . .l.' 011 p,j eone deva ell<' e!Jt' lllllt 80l'lta alla fine' cl('Il't'Hta1e; yt'lIti giol'1li di BogulI1l('o: Padi\:t lorn,wn l'in\ igol'ila. QlIeHt.'allllo, proprio in qnoi giorni. la gliel'm rCHpill~e in pnl riu, la yalallga dpgli ellligrani i c(l Ella }101l l'iposo. Rimase ]lI!I' loro. A nlllla \' :ll~el'o le Kllpplic1le, le millac;e'o dei fallligliari, le pl'egltif'n~