Il foglio dell'Umanitaria n° 1 - Page 42

eustodisco ",acre, sne, spremute da l nodo OCC11 Ho del suo e ere,. tragic}1 • Com' l'a stata avara della !l.ua profonda realtà la grande prodiga, la grande lib rtnria! Perfino n ] lihro o 'ella s'abbandolHl nn poco tt sognar eli sò med sima, quanta acre tl'epidanza, quanta cnra eli ridurre [Hl un con 'reto sociale significato (fino all' ironia del titolo: Iia nota (Iella Irl,/,allrlaia) <]uel. eh'era poesia, senza scalll po poesia, verità solitaria, disperata necessitÀ di naufrago ... , S'illl\eleva per gli altri ~ Poicltè Ilessuna vanit4:\ perHonale l'a in lei (oh pura donna, ed alta, unica, unica!) cbe cosa l'inealzava' L'umanità dovova rotearle in mente tutta quanta im;ensata irreRj)onAabile, fuoI' che in qualollO suùlime esemplare, tutta quanta in fant.e: per seTllpl'eV Come una ragione eroica p l' le Rue hrnt'ria, (~ome una ragione 'l'oica per i suoi occhi, O fm'Re l)Ulvi~colo co· 81lliro, ora nel sole ora Hel gelo, Alla legge del l~tvoro non aVl'<,hhe saputo dar spiegazione: ma le ubhidiva, aa essa sola llbbicliYH, Rtoicament.e, senza haldanza e s nza compl111zione, da HigHo1'a. Snpeva ch ciò non sarebbe clul'ato scmpr , come in e e oglll1no (·lte l'avvicinava, ('rcdeva. (li lei incfi'ahillllent . Sapeva (1' ~Fl.el' mortale, e anche d'ave')' un l1lLtl., mori n1(1, ('OH] clefiuit,ivll imperitura qual apparha, olllui qnarsi una creazhllw, l' ho (]<,tto, dI'l gl'Ilio umano e 11011 gran Hc:ia,g l1l'a stava Hospesn, V ('lIcl'(lì a Hl ':lI~wgiorllo mf\.1Hlni da lei: rspil'aVlL in qll(·1 1I10lllcnto.