Il foglio dell'Umanitaria n° 1 - Page 37

'27 - Nel '98 il AUO Home C(ll'~e da Ull capo all'altro cl'Jtalia, con l'appello rivolto all dOll!l' l'1',1' rllt'l'ogtiNe un vo' di danaro ùa migliorare il cibo ai 'arl'ernti (loli tici. L'll,nliIllClltOHa. non l'i ('onLeut(\ di Hcrivel'e, anù.) a parlalll 11tal' coi padroni i direttori (le'gli 'tabilimC1l1i, trappamlo loro la pl'Oll1C Ha di riammei.tore gli operai lLrrcHLnti in cau~a doi moli imml'rcziOllali. Nel 'noo el'a con l' llalin rotilW a dOlllll,]Hllll'e l'anllliRtia pl>i ('OlHlnnnal i po1il,jci. 1\1a, 'hi (lUC tn. eSl)lol'al ['j('(\ dei t 'l'ritMi imlllcHsi ignoti d,l doloru"1 Qual forza la R08pillgC A (lm1l VOCfl i]lC'itatrict, ri.ponde'l L 'p;g ndo.l miei Ladl'III/('oTi impariamo :L ('0J108(,(H' l',\11;llla ('OlllpIe.' a, di questa <1.01111:1 semplice, illcrcdibHmmltn idealista. Con la storia della Banda dei piccoli rnIHlagi, fr quelltatol'i dell' Albcl'flO del Vertle, ,i rivela, iucollsap vol , eed,; tomo] fitti ehc hanno detl'in"el'osilL1i1e, o dol 8ovrnmauo, S aves. e preferito t,l'arI' alla Illce le ('reallll'l\ di omhra. a J.joi eMe, col III zzo al'istocratil'o dellihro, Alcto\sandrina Rn vizza, a r 'h1'" . eonquiHlato un di ,t iuto pOHlO udla evoluziml{' ad rOlltallzO italiano v l'HO il V r1SIIl(). Alcun ~ pagiuo dei «Miei Ladl'ltllcoli» e di « Noia clella LaIland(tia » 11n,11110 r.!apore Gor] . . irtno. n l'CaJiHlllo 11011 (\ solo Ilcl COlltennto; Hi l'i1lotl,o lIclla forllla spoglia di fl'OlHWli ]'(ltorid, ind~iYn, aùile nell'evitar> le volgarità a.nche uelle pittUl' s'u.lll'ose. 8noi s di arte per onali~ ima. r ,a' di OlllJlllLO\'C['('i, raccontando la. con versione di Ga/'rodlc agi lo n l t'nl" lo capriole , ej1tallto t1 'sLro ~L 'arpire i portafogli; (li Cnwl'illo bello, forte 0111 un lnpetto V'fiUtO a L·i P 'l' fa.m ,com il lnpo /:o\centlo per faJlw alla pianura; (h'I1o H('altro vOllclelll111intnrll di eilicg', ammaestratore di galllb l'i, di~I>erilZi()ll delle frutd" 'llllolt\; di Schi~u', il genoralifò\l'Iimo ti ,i Ladl'utlcoli, itHmpcrnhilo llCi lil'i lilla. H(j//wlra 1'0 lallie, illVilll'ibile cnt.ro la. sila f'orll'zza: il tro11Co ('avo di llll albl'l'o l'leco1al" vicillo al DnJdo ai Po['t,a, '['l'uaglia,. Noi d Ilwl'tLViglhlluo iu\ceo ('OIlUUO ~i eLi Lei, dedita fra tante aIt.re cure, Il rintracciare i pic 'oli vagaholJ(li, eHcogÌtaJHlo apicuti UHl1lO\T('. Hegnit n.udo me~i cd allui a, famarli K(']lZn, pl'e ~t end('rc promCHI'IO; a~ 'o1tillldo le lHonelll'rill Bouza lnng}w pa t.el'liali; in atte~a de] p!'llt illlent.o HpOlllllll00, gal'ftllzill della rec1enzlolle ~illc l'n.. POHO il 'lihro e mi raccolgo a lmaginarla, lH'llu. l'al'l'Ozza at,traVCL'80 l' de elt I\lila.no 'Oll tL fia,llCO Ces(lI'ino l'\calzo, ISlllli ci Selli'c a CaHl'ìcttn, :-4UlH'rhj lli llll 'Ila nuova maniera eli viaggiaro. Giung'o le Jllani ,e la pClll'O curva. l'ìnUa te. tn