I PIACERI DELLA VITE NUMERO ZERO - DIC 2016 - Page 80

12 13 80 Ma il picco più elevato secondo noi viene raggiunto dalla geniale idea di Nikita Konklin, che ha letteralmente reinventato il tradizionale packaging della pasta (Foto 12 e 13). Il designer russo è partito dal banale assunto che il cliente è tendenzialmente più restio a comprare a scatola chiusa, motivo per cui è preferibile che il prodotto sia ben visibile dalla scatola. Da qui però inventa un straordinario gioco di trasparenze sfruttando proprio le diverse forme della pasta, che in pratica diventa acconciatura di capelli. La scatola è bianca per dare maggiore risalto al prodotto. C’è il viso di una donna disegnato e intorno si apre una finestra trasparente che riproduce una sagoma di capelli. Ed è il prodotto all’interno che ne definisce lo stile: spaghetti per i capelli lisci, cavatappi per i ricci, fettuccine per i boccoli. Chapeau. ■