I PIACERI DELLA VITE NUMERO ZERO - DIC 2016 - Page 52

■ A parer nostro il suo lavoro di giornalista sta diventando davvero difficile. Lei tutte le sere ha l'arduo compito di riportare i toni dei contendenti a misure più quiete. Quelle che una volta erano tribune politiche, a volte soporifere ma comunque sempre educate, sono ora diventare arene dove i ragionamenti scadono a volte nello scontro urlato. Ci dica le verità, si trova più a suo agio davanti alle telecamere con la cravatta oppure davanti ad un filare di viti con gli stivali di gomma? E come concilia la sua immagine di autorevole giornalista in doppio petto con il suo lavoro di vignaiolo? <>. ■ Ok, ma poi praticamente come riesce a gestire i suoi tempi? Sicuramente sarà molto occupato dal suo lavoro di giornalista, ma anche l’azienda vinicola Le richiederà impegno e continui spostamenti da una parte all’altra dell’Italia… <> ■ Dal sito della sua cantina si evince che il suo avvicinarsi al mondo vino sia dovuto ad una frequentazione negli anni di Luigi Veronelli. Lei che ha avuto il piacere di conoscerlo ci può accennare almeno un aneddoto che lo caratterizzi? <> ■ Molti personaggi famosi italiani sono recentemente entrati nel mercato del vino come produttori diretti. Per alcuni è un modo legittimo di monetizzare la propria visibilità, per altri è un semplice investimento finanziario, per altri ancora è una passione che finalmente possono portare avanti. E per Bruno Vespa? <