I PIACERI DELLA VITE NUMERO 3 - LUGLIO 2017 - Page 65

ziazioni climatiche e pedologiche che sono congeniali ad una vitivinicoltura che si voglia diversificare mantenendo però il comun denominatore della qua- lità. Significativo è il fatto che sull'Etna la vendemmia inizi ad Ottobre, circa un mese dopo rispetto al resto dell’isola. Ma oltre al clima in queste zone, è stato particolarmente discriminante il fattore umano, quanto meno per far fronte nel corso degli anni, sia ai cata- strofici attacchi della fillossera, che alle oggettive condizioni poco favore- voli del contesto geologico e geomor- fologico. Le frequenti colate laviche dell’Etna infatti riducono continua- mente le superfici utilizzabili per la viticoltura, che si fa ancor più “eroica” se a questo si aggiungono le forti pen- denze che rendono di per sé quasi impossibile la meccanizzazione delle operazioni colturali. Ma, se vogliamo, tutto ciò ha intrinsecamente contribui- to a rendere queste terre apprezzate dal punto di vista puramente enologico (l’Etna è stata la prima DOC siciliana), ma anche per il loro singolare aspet- to paesaggistico: ambienti particolar- - 64 65