I PIACERI DELLA VITE - NUMERO 2 - APRILE 2017 - Page 88

opo mansioni e decisioni, al solo sc li ipa inc pr le te tut o an ett sp A lui la o “Maître”, figura chiave sa di ore ett Dir il è te: en cli il di soddisfare denti e, raccontata da due giovani stu ion az tor ris lta ll’a de o nd mo l ne ngelo Buonarroti” di Fiuggi. dell’Istituto alberghiero “Michela n un mondo in cui le diverse cul- ture si incontrano, l'enogastrono- mia cambia e con sé cambiano gli stili e gli interessi. Se prima ci si incontrava semplicemente per gustare un piatto caldo in compagnia o meno di qualcuno, oggi invece, fare ristorazione è diventato quasi un viaggio alla riscoperta dei sapori e alle origini del gusto. Ci si sposta sempre più per conoscere nuovi piat- ti, per incontrare nuove persone, per degustare in compagnia, per colloqui di lavoro e progetti, per condividere esperienze e sensazioni indimentica- bili. Emozioni del condividere che si nascondono dietro un tavolo, magari di un lussuoso hotel o di un ristoran- te pregiato. Tutto questo ha contri- mmm 88 buito alla nascita e alla diffusione di un turismo d'interesse enogastrono- mico. E ciò che esalta il valore di un piatto sta proprio nel servizio e nel- l'atmosfera in cui si vive. Se chi ti ha servito è stato cordiale, ti ha ascolta- to, reso unico e, per di più, ti ha strappato un sorriso, ti sentirai più sereno e soddisfatto. E sicuramente deciderai di ritornare in quel risto- rante con piacere e lo consiglierai vivamente ai tuoi amici, nella speran- za di ritrovare la stessa atmosfera. Ecco chi è il Maître. È colui, che oltre a dirigere il personale, si occupa maggiormente dei commensali, fa- cendoli sentire a proprio agio in ogni situazione, per far vivere loro un'esperienza unica. È colui che, llll