I PIACERI DELLA VITE - NUMERO 2 - APRILE 2017 - Page 5

Due opo Bruno Vespa e Daniele Cer- nilli, la copertina di questa nostra terza “fatica” è tutta per il viticol- tore di Manduria Gianfranco Fino. L’ormai celebre artigiano del Pri- mitivo, colui che negli ultimi 6 anni ha sapu- to far convergere sul suo strepitoso “Es” i migliori giudizi della critica specializzata, all’inizio del mese scorso, con una disponibi- lità e un’umiltà fuori dal comune, ci ha onora- to di una bella e sincera chiacchierata. Sicura- mente, tra i tanti argomenti toccati, quello apparentemente più scottante, almeno per quanto avevamo letto in precedenza su vari blog e siti di settore, era costituito dalla sua recente uscita dal Consorzio di Tutela del Pri- mitivo di Manduria: Gianfranco ci ha spiega- to come in realtà non esista alcun “caso” e ha ribadito, se mai ce ne fosse stato bisogno, il suo grande attaccamento verso il proprio ter- ritorio, in cui ha sempre creduto e crede anco- ra tantissimo anche in prospettiva futura. Ma questo è solo uno degli interessanti rac- conti di questo secondo numero del 2017, nel quale abbiamo spaziato tra produzioni di eccellenza, autoctoni semi-sconosciuti e vari temi legati alla ristorazione. La rivista però non poteva che aprirsi con ciò che, in questo inizio Aprile, è sulla bocca di tutti: parliamo ovviamente dell’ormai imminente edizione 51 di Vinitaly. La nostra è però un’analisi de- gli aspetti meramente pratici ed è rivolta prin- cipalmente a chi, per lavoro o per semplice passione, domenica 9 per la prima volta si troverà in fila al civico 8 di Viale del Lavoro. In “Veni Vidi Vini” abbiamo invece approfon- dito la nostra conoscenza di due interessantis- sime realtà produttive della costa tirrenica, in particolare quella di Nettuno, dove si coltiva il versatile “Cacchione” e quella della sugge- stiva Costiera Amalfitana, che si pregia di una viticoltura estrema, per non dire eroica. Da non perdere la seconda parte de “Le Cat- tedrali di Dioniso”, carrellata delle più spetta- colari e moderne cantine estere e soprattutto, la lunga sequenza di articoli tematici firmati dai numerosi professionisti che, ognuno con il proprio bagaglio di esperienze e competenze, stanno contribuendo ad arricchire questo no- stro progetto di tante nuove sfaccettature. E poi, anche stavolta, con i nostri “Sorsi e morsi di eccellenza” abbiamo cercato di dare la giusta luce ai prodotti più sorprendenti che abbiamo avuto il piacere di scoprire, come ad esempio le inedite bollicine di cesanese fir- mate dal giovane Produttore Raffaele Schia- vella e il pregiatissimo cioccolato “crudo” di Daniele Dell’Orco. Infine, per chiudere in bellezza, ecco puntuali anche stavolta “Le mie degustazioni”, la rubrica nella quale vi propo- niamo le nostre personali sensazioni sulle bottiglie che abbiamo incontrato sul nostro cammino. Per questo numero è davvero tutto. Noi ci rivediamo a Giugno con il numero 3. Anzi no, il nostro prossimo appuntamento è quello con WineDay2017, la IX edizione del- la nostra bella kermesse enologica… Per cui vi aspettiamo numerosi a Patrica (FR), dove il 7 e 8 maggio potrete assaggiare molte delle chicche di cui leggerete in queste pagine... Federico Dini & Andrea Vellone Federico Dini, 40 anni, Geologo. Da sempre grande enoappassionato, fonda nel 2008 l’Associazione di promozione enogastronomica “Triclinium” che presiede fino al 2014. Ideatore e della rassegna nazionale “Wine Day” e organizzatore di numerosi altri eventi e format enogastronomici. Andrea Vellone, 44 anni. 20 anni di Marketing, comunicazione, grafica, design nei più disparati campi: elettrodomestici, banche, compagnie aeree, Internet Company. Almeno fin quando non decide di dedicarsi unicamente a quella che è la sua passione di sempre....il vino!