I PIACERI DELLA VITE - NUMERO 2 - APRILE 2017 - Page 35

Specie se ripenso a quanto sono stati diffici- li i primi di attività, soprattutto per far comprendere al mondo che cosa era vera- mente un primitivo. Ecco perché sedere oggi al tavolo dei grandi vini è una soddisfazione davvero incommensurabile. Avere ormai questa convergenza di giudizi da parte di tutte le Guide su un vino che da ben 6 anni mette d’accordo tutta la critica, ci ha rega- lato veramente una grande soddisfazione. Questo è un altro pezzo di “Es”, che pratica- mente è tutta la nostra vita. Tra l’altro non abbiamo figli quindi anche per questo ci siamo dedicati a tempo pieno al nostro lavoro che è anche la nostra pas- sione. Per questo Es è un vino fatto con il cuore. >> ■ Ci risulta che nonostante la forte ri- chiesta internazionale di vini italiani soltanto il 50% della vostra produzione sia attualmente destinata all’estero. Quindi fortunatamente l’altra metà resta a disposizione del mercato inter- no e in particolare della Puglia, se i nostri dati sono esatti. E’ una strategia commerciale o anche questa è una scelta di cuore? << Noi innanzitutto siamo italiani e siamo pugliesi. Per cui vogliamo che il nostro vino venga consumato prima di tutto in Italia. Non abbiamo particolari strategie commer- ciali o di marketing, se non una spontanea grande attenzione verso la Puglia. Anche perché c’è una gran bella richiesta dei nostri vini in questa Regione e quindi non faccia- mo nessuna fatica a venderlo qui. E’ chiaro che a molti vignaioli risulta più semplice spedire all’estero tutta la produzione, anche per facilità di pagamento. Noi fortunata- mente ci siamo organizzati in modo tale da non avere questi tipi di problemi e anche questo è merito del grande lavoro fatto da mia moglie. Il nostro mercato in Italia è orientato tutto nell’alta ristorazione e que- sto, secondo noi, è anche un segnale molto importante dato a chi, dall’estero, viene in Puglia. >> ■ Eppure leggendo le ultime notizie abbiamo appreso della tua decisione di uscire dalla Doc del Primitivo di Manduria. Dall’annata 2015 in poi i tuoi vini verranno commercializzati con la dicitura Indicazione Geografica Tipica. Una decisione che, sia su siti specializzati che sui social networks, ha fatto molto parlare e sparlare. Alcuni siti hanno anche scritto che, più che una forma di dissenso verso le Sedere oggi al tavolo dei grandi vini è una soddisfazione davvero incommensurabile… 35