I PIACERI DELLA VITE - NUMERO 2 - APRILE 2017 - Page 24

Un sinuoso itinerario attraverso i tornanti della SS 163 “Amalfitana”, tra i profumi e i sapori di un territorio unico che si amalgamano perfettamente nel bicchiere La Costiera Amalfitana: tra terra, mare e vicoltura eroica a Costiera Amalfitana si può raggiungere da Nord, da Sud e anche dal mezzo. Venendo da nord con l’auto- strada A3 si deve uscire a Pompei, per poi attraversare prima Castellamare di Stabia e poi Vico Equense. Dal centro si hanno molte opzioni: si può passare per Gragnano, oppure per Ravello, o anche da Corba- ra. Noi invece arriviamo da sud, con l’autostrada che ci lascia direttamente a Vietri Sul Mare, cittadina posta quasi al limite tra la bellezza fascinosa del mare incontaminato e l’imponenza tecnologica del porto di Salerno. Da qui ci immettiamo sull’ Amalfitana (SS 163), la suggestiva strada costiera che collega tutti gli incantevoli paesini affacciati sul Golfo di Salerno, parten- do appunto da Vietri e passando per hhhhh 24 Cetara, Maiori, Minori, Ravello, Amalfi, Conca dei Marini, Praiano e Positano, fin quasi a Sorrento. Questa strada è forse l’elemento simbolicamente più rappresentativo della Costiera. Stretta, incasinata, piena di curve a strapiombo sul mare, con autobus che affrontano le curve al millimetro. Appena una cinquantina di km, che però possono richiedere anche due ore di viaggio. Eppure, quella che è senza dubbio una tra le strade italiane più difficili e impervie da percorrere, è anche un inesauribile susseguirsi di meraviglie dietro ogni curva. Hai come la sensa- zione ch