Confluenze Magazine Nt. 17 n.02 anno 1 marzo 2013 - Page 51

MARCH BROWN SPIDER Anche questo artificiale è conosciuto alla maggior parte dei pescatori, sia per il largo impiego in tutto il mondo , sia per la sua proverbiale efficacia in pesca. Questo spider può avere facoltativamente le code, realizzate o in fibra di piuma di pernice o in fibre di coda di fagiano; il corpo è realizzato con pelo di lepre montato a dubbing con la presenza o meno di un rib di color oro. La piuma è di pernice grigia o grouse. Si può fare sia nella versione totalmente sommersa che galleggiante, aumentando i giri della piuma di pernice. Le misure maggiormente utilizzate sono su ami del nr 14 e 12, ma si può scendere al 16 o arrivare nelle taglie maggiori al nr 10. Dopo questa numerosa presentazione di artificiali ultra classici, come mia abitudine vi evidenzierò qualche mio artificiale realizzata con la filosofia del NOTHING FLIES: pochi passaggi costruttivi, pochi materiali utilizzati e velocità di realizzazione. PERNICETTA La semplicità di questo artificiale è simile a quelli sopra descritti, ma anche la sua efficacia non lo è da meno, sia con trote che temoli. Per realizzarlo occorre, oltre all’amo ed al filo di montaggio, di pochissimo pelo di lepre e di una piuma di pernice. La Pernicetta (scusatemi per la scarsa fantasia nel darle un nome) la realizzo anche in misure molto piccole, espressamente per i temoli con livelli di acque molto basse: infatti utilizzo ami dal nr 22 per non superare il nr 16. Il dressing è semplicissimo: Amo: Tiemco Tmc 100 o similare dal nr 22 al nr 16. Filo di montaggio: della Benecchi’s XXF Ultrafine nel colore Tan o marrone scuro. Coda: in fibre di pernice Corpo: pelo di lepre montato a dubbing Hackles: fibre di piuma di pernice grigia montate ad hackles, ma solo a 180°, ovvero a raggera ma solo nella parte superiore ed ai lati dell’artificiale. 51 Confluenze Tying