Confluenze Magazine Nt. 17 n.02 anno 1 marzo 2013 - Page 29

ture rigide, quei pochi (ma grossi!) pesci che saranno riusciti ad oltrepassare il Gaulfossen, potranno essere insidiati quasi esclusivamente nella holding pool (buche sempre abbastanza profonde, con corrente moderata, dove i salmoni si fermano a riposare), mentre risulteranno poco o per nulla produttivi gli spot con acqua veloce, posti questi ultimi che acquisteranno sempre maggiore produttività man mano che la stagione avanza. Un altro aspetto di particolare pregio per la pesca consiste nel fatto che, a differenza della parte bassa del fiume dove i salmoni transitano praticamente senza fermarsi sino al Gaulfossen, in questa sezione del fiume i pesci saranno più propensi ad effettuare delle soste durante la risalita, soste che si possono protrarre anche per giorni o settimane in determinate buche. Difatti i pesci tenderanno ad adibire alcune di queste buche - le holding pool come detto - a dimora temporanea, che abbandoneranno solamente con l’approssimarsi della stagione riproduttiva, quando, sospinti dall’istinto procreativo, si sposteranno ancora qualche chilometro verso monte per raggiungere gli areali di frega. In queste pool non è affatto infrequente vedere numerosi pesci ‘residenti’ cimentarsi in evoluzioni di superficie, già a partire dalla fine di giugno o dall’inizio di luglio. Chi avrà l’onore (da pagare profumatamente!) di lanciare la propria mosca nella ‘top season’ in queste pool avrà, quindi, delle possibilità di cattura molto, molto concrete. Quanto detto sinora riguarda i tratti di fiume più pregiati e blasonati, accessibili esclusivamente ai clienti delle suddette rotazioni. Gli altri pescatori possono optare per prenotare una beat privata cercando di contattare direttamente i proprietari terrieri, che siano ancora titolari dei diritti di pesca. Nella zona di Rognes, in quella di Kotsoy, in quella di Talness e in quella di Singsas le possibi29 Confluenze Fresh