Coelum Astronomia Speciale 2016 - Page 30

PIANETI

Mercurio

Visibile la sera nella prima parte del mese, e poi all’alba. Dopo la massima elongazione est raggiunta a fine dicembre, la prima metà di gennaio Mercurio (mag. -0,5 a +4,7; diam. da 7,3” a 10,1”; fase da 49,1% a 0,8%) continuerà ad essere visibile la sera mentre andrà diminuendo sempre più la sua elongazione dal Sole. Il giorno 14 il piccolo pianeta arriverà alla congiunzione eliaca inferiore e quindi tornerà ad essere visibile, questa volta nel cielo del mattino, durante l’ultima decade del mese.

Venere

Visibile poco prima dell’alba. Dopo aver raggiunto a fine ottobre la sua massima elongazione ovest, in gennaio Venere (mag. da -4,1 a -3,9; diam. da 14,3” a 12,4”; fase da 77,1% a 84,9%) continuerà ad essere osservabile nel cielo del mattino poco prima dell’alba, ma la sua distanza angolare dal Sole andrà man mano diminuendo, come pure la sua altezza sull’orizzonte misurata nel momento del sorgere del Sole. A metà mese sorgerà dall’orizzonte est-sudest poco dopo le cinque del mattino, precedendo il levare del Sole di circa 2,5 ore.

In alto. Il grafico mostra l’aspetto dei pianeti durante il mese, con indicati i relativi diametri angolari e, per quelli interni, anche la fase. Il diametro di Saturno è riferito al solo disco (anelli

esclusi).

30