Coelum Astronomia Speciale 2016 - Page 18

Se i 50 Megapixel della Canon 5DS (vedi Coelum n. 192) hanno impressionato solo pochi mesi fa, due recenti annunci ufficiali della casa nipponica son stati invece capaci di far letteralmente sobbalzare la comunità fotografica internazionale. Il 7 settembre scorso, dal sito ufficiale, Canon ha infatti annunciato di aver creato un prototipo da ben 250MP! Il prototipo è costruito intorno a un nuovo sensore CMOS in formato APS-H (lo stesso dei modelli Canon 1D Mark IV e la Canon 1D III) pari a 29.2x20.2 mm in cui però è stipata un’impressionante matrice da 19 580x12 600 pixel di dimensioni veramente minuscole, pari a 1.5 µm.

Del prototipo Canon racconta mirabolanti prestazioni in fatto di risoluzione e, pur essendo più piccolo di un ormai diffuso full-frame 35 mm e comunque più grande di un APS-C, è stato capace di riprodurre fedelmente la scritta della compagnia aerea sulla carlinga di un velivolo a 18 km di distanza, ingrandendo opportunamente l’immagine ripresa con un obiettivo normale!

Alla gestione del gran numero di pixel è delegata un’elettronica la cui architettura è capace di leggere 1.25 TP/sec, per questa ragione possono essere ripresi 5 fotogrammi per secondo a piena risoluzione. Come c'era da aspettarsi, anche le prestazioni video del prototipo sono state impressionanti, con la possibilità di riprendere filmati con risoluzione 125 maggiore rispetto all’ormai comune Full-HD e 30 volte migliore rispetto al recente e già diffuso 4K (3.840 x 2.160 pixel), conservando un’ottima risoluzione anche in versioni ritagliate degli stessi frame.

Per dovere di cronaca, è opportuno segnalare che poco prima dell’estate scorsa, sempre Canon, ha annunciato il nuovo modulo camcorder ME20F-SH capace di una sensibilità dallo strabiliante valore di ISO 4.000.000 (!), ma dal prezzo inavvicinabile per l’astrofilo medio. Questo dispositivo è, infatti, rivolto all’ambiente scientifico/industriale e può costituire una valida scelta per Istituti di ricerca impegnati nel monitoraggio di meteore e satelliti artificiali o per lo studio di fenomeni ad alta variabilità in cui è richiesta una grande risoluzione spaziale e temporale.

Anche la nuova camera da 250 MP punterà allo stesso target di riferimento a un prezzo, si vocifera, che si aggirerà intono a 8/9 mila euro. Come se non bastasse, il giorno successivo, ma dalla filiale inglese,

Novità, Tendenze e Tecnologie dal Mondo del Mercato dell'Astronomia Amatoriale

La Canon stupisce ancora!

NOVITA' DAL MERCATO

A cura di Giuseppe Donatiello

18