Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 69

Sopra. In questa immagine profonda del Burrell Schmidt Telescope si vede l'enorme alone intorno alla galassia ellittica gigante Messier 87. Un eccesso di luce nell'angolo in alto a destra dell'alone e il moto delle nebulose planetarie nella galassia sono l'ultimo resto di una galassia di mezza taglia che è recentemente entrata in collisione con Messier 87. L'immagine rivela anche molte altre galassie che formano l'ammasso della Vergine, di cui Messier 87 è il membro più grande. In particolare, le due galassie in alto a destra sono soprannominate "gli Occhi". Crediti: Chris Mihos (Case Western Reserve University)/ESO

osservazioni compiute nella banda X permisero di localizzare proprio in M 87 la fonte di quelle emissioni e risultò che i filamenti emittenti si estendevano ben oltre il getto visibile, fino a decine di migliaia di anni luce di distanza dal centro galattico.

Le radio sorgenti brillanti, come nel caso di M 87, sono molto spesso associate a galassie ellittiche giganti e, secondo i modelli più accreditati, traggono la loro energia dal gas che sta precipitando verso un enorme buco nero posto nel nucleo. La connessione tra buco nero attivo e il getto non è ben nota, anche se l’ipotesi principale indica che sia proprio dal buco nero che si origina quel bizzarro getto di materiale, che

www.coelum.com

69