Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 37

www.coelum.com

37

Sopra. Il lander Beresheet insieme ad i suoi costruttori. Credit: SpaceIL

La discesa verso il Mare Serenitatis

Beresheet ha iniziato la sua serie di manovre finali a un’altitudine di circa 25 chilometri e, a circa 800 chilometri di distanza dal suo sito di atterraggio, passando a pochi chilometri dagli storici siti dove sono ancora presenti i resti di Apollo 15 e Apollo 17.

Il lander ha acceso i suoi sensori laser, progettati per fornire dati di altitudine e velocità di discesa del velivolo a un computer di guida incaricato di comandare le accensioni del motore principale per controllarne la velocità. Quindi Beresheet ha iniziato a far pulsare i suoi otto thruster (piccoli motori a getto) di controllo in modo da posizionarsi con un assetto corretto per rallentare e scendere verso la Luna, ovvero con il motore principale rivolto verso la direzione di marcia e parallelo alla superficie lunare. Ha iniziato a diminuire la velocità (che in quel momento era di circa 1,7 chilometri al secondo) intorno alle 19:11 UTC (21:11 in Italia).

I dati raccolti hanno indicato un problema

a una delle sue unità di controllo inerziale, una parte fondamentale del sistema di guida della sonda. La telemetria in diretta – trasmessa al controllo delle missioni in Israele, attraverso un’antenna a gestione NASA in Spagna – ha

La zona di atterraggio prevista di Beresheet. Credit: LRO.