Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 22

Vulcani di ferro fuso

di Barbara Bubbi - Universo Astronomia

Coelum Astronomia

22

Uno degli scopi della futura missione della NASA diretta verso Psyche – asteroide in orbita tra Marte e Giove a dal quale prende il nome – è quello di cercare segni di attività vulcanica nel passato dell’asteroide metallico, il più grande asteroide metallico del Sistema Solare.

Si ritiene che gli asteroidi metallici si siano formati a partire da masse di ferro fuso, residui primordiali di pianeti in formazione durante il primo periodo di vita del Sistema Solare. Secondo i ricercatori, sulla superficie di simili asteroidi potrebbero essere avvenute eruzioni vulcaniche, costituite da ferro liquido che fuoriusciva attraverso una crosta solida. È questo lo scenario emerso dalle analisi dei planetologi della University of California, Santa Cruz (UCSC), che indagano su queste insolite rocce spaziali in vista del lancio, pianificato per il 2022, della missione Psyche.

L’origine degli asteroidi metallici risale all’alba del Sistema Solare, quando iniziarono a formarsi i pianeti all’interno del disco di gas e polveri attorno al giovane Sole. Si ritiene che tali asteroidi costituiscano in realtà il nucleo denso e ricco di ferro di un protopianeta, rimasto esposto dopo che il pianeta in formazione subì una collisione catastrofica, che causò la perdita dei

suoi strati rocciosi esterni. In quella lontana epoca, il nucleo caldo e denso del pianeta mancato costituiva una massa di ferro fuso, che si sarebbe raffreddata e solidificata progressivamente a contatto con il gelo dello spazio.

Secondo Francis Nimmo, a guida del team di ricerca, in alcuni casi il resto planetario fuso si sarebbe solidificato mantenendo una massa di metallo liquido sottostante a una solida crosta di ferro. Una simile struttura potrebbe essere all’origine di antichi fenomeni di ferro-vulcanismo sugli asteroidi come Psyche: sulla superficie di questi oggetti potrebbero essersi formati vulcani che eruttavano ferro fuso, in risalita attraverso fratture della crosta solida.

La missione dovrebbe raggiungere l’asteroide Psyche, localizzato nella Fascia Principale degli Asteroidi, nel 2026.

Rappresentazione artistica di un asteroide metallico con ferro fuso in eruzione. Crediti: Elena Hartley.