Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 173

Le due piccole compagne

Arrivati a posare il nostro occhio in questa regione, non possiamo esimerci dal dare uno sguardo negli immediati dintorni di questa poderosa galassia che, in un certo senso, funziona come "elemento di distrazione" per altre compagne più piccole.

Dieci primi a ovest-sudovest del nucleo di M 87, ad esempio, non sarà difficile trovare la NGC 4476 e NGC 4478, due piccole ellittiche scoperte entrambe da William Herschel, nella stessa notte del 12 aprile del 1784, da non confondere con le due minuscole spirali che stanno molto più vicine al nucleo, e che possono essere viste solo per via fotografica.

La prima risulta alla portata di un’apertura da 150 mm, mentre la seconda richiede diametri un po’ più grandi, ma c’è chi afferma addirittura il contrario, sostenendo che è la seconda a risultare più facile!

Chi scrive ha potuto facilmente rintracciarle sotto un cielo d’alta montagna, con uno Schmidt-Cassegrain da 356 mm, riportandone la seguente descrizione: «A 130x la coppia si trova senza alcuna difficoltà. La NGC 4476, più prossima a M 87, risulta più "piena" rispetto alla compagna, leggermente più elongata e sfumata».

www.coelum.com

173

Sotto. Il campo di 2,2° delimitato nella cartina a fronte dal rettangolo giallo racchiude una fotografia profonda della regione che circonda M87, dove sono chiaramente visibili anche le due piccole ellittiche NGC 4476 e 4478 di cui si parla nel testo.