Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 159

www.coelum.com

159

Emisfero Ovest

Visualizza la Mappa del Cielo dell'Emisfero Ovest

Guardando a Ovest

Guardando il cielo a Occidente, si avvicinano al tramonto con i loro luminosi astri i Gemelli e l’Auriga, ultimi sprazzi della Via Lattea invernale, insieme alle deboli stelle dell’Idra, con le piccole costellazioni del Corvo e del Sestante, il Cancro e la tenue Lince. Più in alto vediamo il piccolo Leone Minore e, ben più maestoso ed evidente, il grande Leone, con la luminosa Regolo (Alfa Leonis, mag. +1,35). Ci soffermiamo a dare uno sguardo alla stella Algieba, (Gamma Leonis, mag. +2,20), qui ripresa al telescopio remoto UAI (ASTRA #2). In realtà stiamo osservando la somma della luce di 2 soli. La stella è infatti doppia, due giganti: la principale, una gigante color arancio (spettro K0), 300 volte più luminosa del nostro Sole, e la sua compagna, la cui luce si fonde con la principale, che è un'altra gigante, ma più calda, nello spettro al confine con il giallo e il verde (una

Sopra. Algieba, Gamma Leonis, “stella arcobaleno” nella nostra immagine. Telescopio Remoto UAI (ASTRA #2, Newton, 800 mm/4 & SBIG ST10XME su Avalon M uno, Castiglione del Lago, PG). Giorgio Bianciardi.

pochissimo, come possiamo leggere in questo numero di Coelum Astronomia a pagina 46).

Continuiamo il nostro viaggio attraverso questo sterminato campo di galassie ed ecco apparire (siamo a 4 gradi campo dalla gigantesca M 87) un’altra gigante ellittica, M 49, accompagnata da belle galassie a spirale, gemelle della nostra confortevole Via Lattea. Questi sono luoghi dove il buco nero centrale è di piccole dimensioni e quiescente: non come in M 87 che ospita una voragine oscura e attiva con la massa di 6 miliardi di quella solare! Ancora al telescopio remoto ASTRA #4 a grande campo (pagina precedente).