Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 123

www.coelum.com

123

quella sera avrebbe raggiunto l’ottimo valore di magnitudine negativa di –2,8 perché in opposizione, in più in congiunzione con la luna eclissata si trattava di uno spettacolo più unico che raro. Il meteo sembrava fin dal pomeriggio dalla mia parte. Era prevista solo qualche nube di passaggio ma che durante la serata si sarebbe diradata lasciando spazio all’eclissi in tutto il suo splendore. Il posto che avevo scelto erano i laghi d’Olbe (a quota 2.156 m), raggiungibili in un’ ora di cammino dall’ultima seggiovia di Sappada (UD), una zona turistica del Friuli Venezia Giulia. Se il meteo fosse stato sfavorevole non avrei avuto il tempo di cambiare postazione e cercare di inseguire la Luna. Purtroppo con il passare delle ore mi accorsi che le previsioni avevano sbagliato di brutto: come si sa in montagna il meteo cambia molto rapidamente e mai come in questa serata me ne sono resa conto.

La Luna doveva spuntare dalle montagne alle 20:30 circa, ma a quell’ora erano presenti solo nuvole, nuvole che poi cominciarono ad addossarsi alle montagne fino a farmi decidere alle 21:40 di prendere le nostre cose e tornare verso valle... Avremmo dovuto camminare due ore per raggiungere la nostra automobile. Ormai delusa, avevo accettato l’idea che quell’eclissi me la sarei solo sognata. Lasciammo la postazione e, dopo circa 100 metri di discesa, ecco spuntare dalle nubi l’ultimo spicchietto di Luna non ancora entrato nell’ombra terrestre.

Veloce come un grillo, ho tirato fuori tutta la strumentazione e ho iniziato a fotografare come una pazza! Sembrava che la Luna non volesse perdere l’occasione per farsi riprendere. Sono riuscita a scattare delle belle immagini, con la Luna specchiata nel laghetto principale, le nuvole però andavano e venivano continuamente.

Con il calare delle tenebre, improvvisamente si è fatto vedere anche Marte: le fastidiose nuvole avevano anch’esse preso una colorazione rosso fuoco, forse in parte dato dall’inquinamento luminoso della valle e in parte dalla flebile luce della Luna eclissata.

Sotto. La Luna specchiata nei Laghi d’Olbe. Posa di 13 secondi, iso 8000, f/4.