Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 102

Coelum Astronomia

102

A sinistra. Una rara immagine di una lastra ripresa a Sobral. Sono evidenziate solo 6 stelle, tutte appartenenti all’ammasso delle Iadi nel Toro. A destra, un pesante ingrandimento del disco spurio di una delle stelle (281'), mostra la difficoltà di riuscire a misurare lo spostamento teorico (la lunghezza del trattino rosso).

Le critiche

Negli anni successivi, quando l’entusiasmo per questa rivoluzione della scienza si fu un po’ calmato e alcuni scienziati trovarono, in un certo senso, il coraggio di esaminare in modo più obiettivo i risultati delle spedizioni del 1919, si scoprirono non poche ambiguità nel lavoro di Eddington.

Una prima critica riguarda il modo in cui furono trattati i dati delle osservazioni: furono ottenuti tre gruppi di lastre, due in Brasile e uno in Africa. Dei due gruppi presi a Sobral, il migliore dava una deviazione di circa 1,98", molto al di sopra della previsione di Einstein; il meno accurato invece portava a un valore di circa 0,68", più vicino al valore previsto da Newton. Il gruppo peggiore era senza dubbio quello ottenuto a Principe che, come abbiamo visto, portava a una deviazione di circa 1,61". Quale fu la scelta di Eddington di fronte a questi dati così equivoci?

Scartò il gruppo di lastre di media qualità, che favoriva Newton, e fece la media tra i valori degli altri due, ottenendo così un valore della deviazione in totale accordo con le previsioni della relatività generale.

Un'altra critica, più tecnica e forse più inquietante, mette invece in discussione la validità dell’esperimento stesso. Con un qualunque telescopio, indipendentemente dalla sua apertura o dalla perfezione delle sue ottiche, non si possono risolvere dettagli più piccoli di un secondo d’arco. Questo problema diviene ancora più grave durante il giorno, a causa del calore che proviene dal suolo. Secondo le previsioni della relatività generale, ad esempio, lo spostamento assoluto più grande (non ridotto al bordo solare) doveva essere quello di 2 Tauri, con 0,88". A Sobral, lo spostamento misurato per questa stella fu di 1,00".

era più grande e le immagini erano di una nitidezza quasi ideale. Le misurazioni effettuate su questi negativi confermarono definitivamente il valore di Einstein, in accordo con i risultati ottenuti a Principe.

Come riferisce Eddington, «… i risultati finali (ridotti al bordo solare) con i loro errori accidentali probabili furono»:

Sobral 1,98 ± 0,12 secondi

Principe 1,61 ± 0,30 secondi