Coelum Astronomia 233 - 2019 - Page 126

126

Coelum Astronomia

IL CIELO DI

MAGGIO

di Redazione Coelum Astronomia.

In maggio, il Sole si muoverà nella costellazione dell’Ariete fino al 14, data in cui entrerà in quella del Toro. Nel corso del mese andrà avvicinandosi sempre più (+19° il 15 maggio) alle massime declinazioni positive; l’incremento rispetto al mese precedente (che è sempre più contenuto man mano che ci si avvicina alla culminazione del solstizio) porterà a un guadagno di quasi +7° sulla massima altezza al momento del passaggio in meridiano: da poco più di +63° a +70° per una località posta a 42° di latitudine.

Il Sole descriverà in cielo un arco diurno sempre più ampio, e la durata della notte astronomica si ridurrà

Verso le 22:00 di metà maggio il cielo si presenterà con le ultime propaggini delle costellazioni invernali, tra cui sarà facile riconoscere ancora le lucenti stelle che segnano le teste dei Gemelli, il Cane Minore e l'Auriga, ormai declinanti e prossime al tramonto. Anche il Leone ha ormai superato il suo periodo di massimo splendore annuale e ora lo vediamo dominare la parte ovest del cielo. Transitano in meridiano invece le costellazioni tipicamente primaverili, come la Vergine, con l'azzurra Spica e il Boote con la brillante Arturo, mentre più in basso, vicino all’orizzonte sud, faranno capolino le stelle più settentrionali del Centauro (tra tutte, la luminosa Menkent, di mag. +2). Più a est, possiamo riconoscere l’inconfondibile profilo dello Scorpione e il lampeggiare rossastro di Antares che già annuncia l’arrivo delle costellazione estive (Ercole, Corona Borealis, Ofiuco e Aquila) che cominceranno ad alzarsi nella parte orientale del cielo. Verso nordest sarà osservabile anche la Lira, con la fulgida Vega, seguita dal grande Cigno celeste.

IL SOLE

Aspetto del cielo per una località posta a Lat. 42°N - Long. 12°E

La cartina mostra l’aspetto

del cielo alle ore (TMEC):

1 Mag > 00:00

15 Mag > 23:00

30 Mag > 22:00