Coelum Astronomia 232 - 2019 - Page 154

Visioni Galattiche nel Leone

di Salvatore Albano

La cartina riporta l'intera costellazione del Leone e la posizione degli oggetti descritti.

Per chi ama avventurarsi nei profondi spazi siderali per osservare visualmente quegli affascinanti "universi isola" costituiti dalle galassie, la costellazione del Leone è sicuramente un target ideale. Facilmente riconoscibile per la sua classica postura da “sfinge”, si trova prossimo al polo nord galattico e quindi al di fuori del luminoso e polveroso piano della galassia, che ci impedisce di guardare "al di fuori" della Via Lattea.

Il cielo della primavera diventa quindi per eccellenza "il cielo delle galassie", e il Leone ne è ricchissimo: come ogni primavera, la vasta

costellazione del Leone mette a disposizione dell’osservatore un campionario di galassie tale da consentire ogni genere di sperimentazione visuale in tema di forme, luminosità e dimensioni.

L'osservazione delle galassie richiede però conoscenza del soggetto, e l'occhio e la mente devono abituarsi a cogliere i delicati dettagli delle complesse strutture galattiche. In generale è possibile osservare le galassie maggiori e più luminose già con un buon binocolo 8x50, a patto di osservare da luoghi privi di inquinamento luminoso e foschie; utilizzando telescopi di

diametro crescente, da 130 mm a oltre 350 mm, potremo osservare via via più dettagli.

Utilizzando un filtro

154

Coelum Astronomia