Coelum Astronomia 231 - 2019 - Page 110

Giove

Mag. da –2,0 a –2,2; diam. da 36,2" a 39,7"

Osservabile nella seconda parte della notte

Il grande pianeta gassoso, in marzo, sarà ben osservabile durante tutta la seconda parte della notte. Sarà facilmente riconoscibile, con la sua magnitudine che supera il valore di –2 già all’inizio del mese: lo potremo rintracciare facilmente, quando sorgerà alle 2:27 (inizio mese) tra le stelle dell’Ofiuco, costellazione in cui dimorerà per tutto marzo.

Alla fine del mese la sua levata sarà fortemente anticipata, alle 00:40, lasciandoci quindi numerose ore per la sua osservazione, raggiungendo una buona altezza sull’orizzonte nelle ultime ore della notte, prima di perdersi nel chiarore del crepuscolo mattutino. Il terzo mese dell’anno costituisce sicuramente il periodo di miglior visibilità mattutina per Giove. Si sta a grandi passi avvicinando il periodo più favorevole dell’anno per la sua osservazione, che culminerà con l’opposizione di giugno.

Saturno

Mag. +0,6; diam. da 35,6" a 37,2"

Osservabile nell’ultima parte della notte

In marzo, le condizioni di osservabilità del pianeta

con l’anello si faranno via via più favorevoli. Lo potremo scorgere, nel Sagittario, nelle ultime ore della notte. Sorgerà sull’orizzonte orientale alle 4:16 a inizio mese, orario anticipato di poco meno di due ore a fine mese (alle 3:25 TU+2) permettendoci quindi di osservarlo per qualche ora, anche se non raggiungerà un’ottima altezza sull’orizzonte prima dell’alba.

Urano

Mag. +5,9; diam. 3,4"

Osservabile nella prima parte della notte

Siamo agli sgoccioli delle possibilità di osservare Urano, per questo periodo: in marzo, potremo rintracciarlo nella prima parte della notte, già ormai diretto verso l’orizzonte occidentale in prima serata. Tramonterà poco dopo le 22 a inizio mese, anticipando di un’ora a fine mese. Ci sarà possibile osservarlo solo grazie al fatto che la notte astronomica inizia sufficientemente presto e, quando il cielo sarà buio in prima serata, potremo cercarlo con l’aiuto di un binocolo, o meglio di un telescopio, tra le stelle dell’Ariete.

Nettuno

Mag. +8,0; diam. 2,2"

Non osservabile

Marzo è un periodo decisamente sfavorevole per l’osservazione di Nettuno: il remoto gigante gassoso raggiungerà infatti la congiunzione con il Sole il giorno 7 marzo. Trattandosi di una configurazione orbitale per cui risulterà prospetticamente allineato con il Sole, non sarà possibile osservarlo (sorge e tramonta nel corso del dì). Dovremo aspettare maggio inoltrato per poterlo ritrovare e osservare proficuamente, al mattino.

Coelum Astronomia

110