Coelum Astronomia 231 - 2019 - Page 108

Ottima l’osservabilità del pianeta nano (1) Cerere in marzo, che sarà rintracciabile, nella seconda parte della notte, nella costellazione dell’Ofiuco. È un buon periodo per osservarlo: nonostante non sia molto luminoso (mag. +8,8), sarà proficuamente osservabile con un binocolo o con un telescopio, avremo molte ore a disposizione per dedicarci al più interno dei pianeti nani (leggi l’approfondimento a pagina 48), sorgendo poco dopo l’1 di notte a inizio mese, orario anticipato alle 00:32 (TU+2) a fine mese.

In marzo, Plutone sarà osservabile nelle ultime ore della notte, prima dell’inizio del crepuscolo del mattino, quando avrà guadagnato sufficiente altezza sull’orizzonte orientale. Non sarà ancora mai molto alto ma potremo tentarne l’osservazione. Si troverà tra le stelle del Sagittario, a 3° e mezzo a sudest di Saturno. Anche se non apprezzabile, per via della differenza di luminosità, il giorno 2 marzo Plutone sarà in congiunzione con una sottile falce di Luna (fase del 17%): il pianeta nano si troverà a circa 0,9° di distanza apparente dal nostro satellite naturale, dalla parte del lembo non illuminato.

Coelum Astronomia

108

Pianeti Nani principali

Venere

Mag. da –4,1 a –3,9; diam. da 15,6" a 13,2"; fase da 72,2% a 80,8%

Osservabile la mattina prima dell’alba

In marzo, Venere mantiene il suo status di oggetto prominente del cielo del mattino, visibile a est prima dell’alba. La perdita in altezza sull’orizzonte orientale al momento del sorgere del Sole sarà comunque pronunciata, anche se in marzo la differenza giorno dopo giorno sarà limitata, e l’anticipo sulla levata del Sole si ridurrà da poco meno di 2 ore di inizio marzo a 1 ora e 14 minuti circa. Sarà quindi ancora facilmente osservabile: è molto brillante (magnitudine intorno alla –4) e risulterà un oggetto di spicco nel cielo mattutino. Lo troveremo tra le stelle del Sagittario, il primo di marzo, costellazione che abbandonerà già il 2 per passare nel Capricorno fino al 24 marzo per concludere il mese nell’Acquario.

Marte

Mag. da +1,2 a +1,4; diam. da 5,3" a 4,7"

Osservabile nella prima parte della notte

Marte in marzo sarà ottimamente osservabile nella prima parte della notte: si troverà nella costellazione dell’Ariete fino al giorno 23, per poi passare nel Toro, dove incontrerà le Pleiadi (M 45) il 31 marzo. Quando il cielo si sarà fatto sufficientemente buio, dopo il tramonto, troveremo il Pianeta Rosso alto sull’orizzonte di sudovest, sopra i 40°. Tramonterà alcuni minuti dopo le 23 (a inizio mese), per anticipare a fine mese alle 23:54 (TU+2), lasciandoci alcune ore utili per la sua osservazione e ripresa.