Coelum Astronomia 231 - 2019 - Page 107

Sopra. Il grafico mostra l’aspetto dei pianeti durante il mese, con indicati i relativi diametri angolari e, per quelli interni, anche la fase. Il diametro di Saturno è riferito all’intero sistema (anelli inclusi).

PIANETI

www.coelum.com

107

Di seguito vengono fornite alcune indicazioni sulle condizioni di osservabilità dei pianeti per il mese di marzo 2019. Gli orari sono espressi in TMEC, cioè all'ora indicata dai nostri orologi.

Mercurio

Mag. da –0,2 a +5,3; diam. da 7,7" a 11,0"; fase da 39,5% a 0,7%

Osservabile nella prima decade del mese, dopo il tramonto

La fine di febbraio ha segnato sicuramente uno dei periodi migliori dell’anno per l’osservazione di Mercurio al tramonto. All’inizio di marzo il piccolo pianeta sarà ancora ottimamente osservabile, sempre la sera, dopo il tramonto, ma la favorevole situazione durerà ancora per poco, con Mercurio che si farà sempre più basso sull’orizzonte riducendo la distanza del suo tramonto da quello del Sole. Possiamo affermare che già dopo i primi 10 giorni del mese non sarà più possibile scorgerlo. Il 5 marzo, Mercurio è stazionario e inizierà poi il suo moto retrogrado. Il giorno 15, il pianeta raggiungerà la congiunzione inferiore con il Sole, rendendosi quindi assolutamente inosservabile, condizione che perdurerà per tutto il resto del mese. Anticipiamo subito che, anche in aprile, le condizioni di osservabilità mattutina non saranno affatto buone, quindi meglio approfittare di quest’ultima occasione per osservare e riprendere il primo pianeta del Sistema Solare.