Coelum Astronomia 230 - 2019 - Page 40

Coelum Astronomia

40

(486958) 2014 MU69 "Ultima Thule"

La Fascia di Kuiper

La Fascia di Edgeworth-Kuiper, è una regione del Sistema Solare che si estende oltre l'orbita di Nettuno fino a oltre 50 UA dal Sole. La fascia è costituita da un addensamento di corpi asteroidali ghiacciati, la cui struttura e dinamica è ancora poco conosciuta. Sono noti più di 2.000 membri, classificati come KBO (kuiper Belt Object) fra i quali troviamo anche i pianeti nani Plutone, Eris, Haumea e Makemake. Oltre a questi, da oggi il più famoso membro della famiglia sarà proprio (486958) 2014 MU69 "Ultima Thule", visitato da vicino dalla New Horizons, la cui missione è ora proprio quella di studiare questa remota regione del Sistema Solare.

Anche se il flyby del 1° gennaio ha costituito il momento di maggior interesse scientifico per lo studio di Ultima Thule, in realtà, la New Horizons ha iniziato a studiare nel dettaglio il corpo celeste già nei giorni precedenti, non appena si è fatta sufficientemente vicina per ricavare informazioni utili. In termini pratici, le analisi scientifiche di maggior interesse sono state condotte dalla sonda nei giorni immediatamente precedenti e successivi il flyby, oltre che – ovviamente – nel momento di massimo avvicinamento. 2014 MU69 è infatti un mondo grande appena una trentina di chilometri, che è apparso agli occhi elettronici della New Horizons come un minuscolo puntino luminoso per la maggior parte del tempo speso nel suo avvicinamento.

2014 MU69 è stato scoperto il 26 giugno 2014 dal team della missione New Horizons utilizzando il Telescopio Spaziale Hubble: la sonda all'epoca era già in viaggio e doveva ancora raggiungere Plutone, ma già si pensava al dopo.

L'orbita di questo KBO attorno al Sole è sostanzialmente circolare (eccentricità e di 0,041; semiasse maggiore di 44,5 UA) e giace su un piano ben poco disallineato rispetto all'eclittica (circa 2,45°). Trovandosi di circa 50 UA oltre Plutone, impegna 300 anni per compiere un'intera orbita: la sua distanza dal Sole è tale che il corpo permane a una temperatura estremamente bassa, motivo per cui gli scienziati planetari sono fortemente attratti da questo corpo. Ultima Thule può essere considerato infatti un cimelio congelato del periodo in cui il Sistema Solare si è formato, uno scrigno che, molto probabilmente, ha custodito inalterati i segreti che permettono di descrivere quel remoto periodo all'alba dei tempi. 2014 MU69 può essere dunque considerato un "corpo primitivo". A tal riguardo, Jeff Moore, responsabile del team di geologia e geofisica di New Horizons ha affermato: «New Horizons è come una macchina del tempo che ci permette di