Coelum Astronomia 230 - 2019 - Page 28

Coelum Astronomia

28

Ricostruzione artistica del FlyBy. Crediti: NASA/SWrI

New Horizons

La sonda è finalmente passata nelle vicinanze dell’oggetto 2014 MU69 appartenente alla fascia di Kuiper, diventando il corpo celeste più lontano a cui un veicolo umano abbia mai eseguito un flyby. Il punto di massimo avvicinamento posto a circa 3.500 km di distanza è stato attraversato a circa 51.500 km/h alle 05:33 TU del primo gennaio. Questo incontro è avvenuto a 43 unità astronomiche di distanza dal Sole, equivalenti a circa 6 ore luce.

Le prime immagini hanno evidenziato la forma a due lobi, una sorta di oggetto binario a contatto, dalla lunghezza di una trentina di chilometri e un periodo di rotazione di circa 15 ore.

Ma molti altri dati arriveranno da New Horizons dopo il transito dietro il Sole: a causa della distanza a cui si trova, ci vorranno circa due anni per inviarci attraverso la Deep Space Network tutti i dati raccolti in quelle poche ore di passaggio vicino a Ultima Thule, denominazione non ufficiale di 2014 MU69.

Leggi il report dedicato alla missione a pagina 34.