Coelum Astronomia 230 - 2019 - Page 158

158

Coelum Astronomia

Il terzetto Delta Tauri

Scendendo a sudovest di poco più di 1°, ecco un terzetto di stelle di quarta grandezza, ben distinguibile al binocolo e a occhio nudo, a patto di osservarlo sotto opportune condizioni di cielo oscuro. Del terzetto, la più settentrionale è δ3 Tau, sede di un sistema multiplo. Dalla distanza di 148 anni luce, la stella splende apparentemente di magnitudine +4,30. La componente principale, δ3 Tau A, pur essendo classificata come subgigante bianca di tipo A2 IV (9.000 K), è ritenuta essere un candidato “vagabonda blu” (in inglese, blue straggler), ovvero una di quelle stelle, alquanto rare che, pur parte di un ammasso aperto o globulare, appaiono più calde (e, quindi, più azzurre) delle altre componenti del gruppo dalla identica luminosità. Da un punto di vista prettamente chimico, l’anomalo spettro della stella mostra la riga del calcio tipica di una stella A2, righe dell'idrogeno tipiche di una stella A3, così come righe di metalli, come il ferro, tipiche di