Coelum Astronomia 230 - 2019 - Page 146

146

Coelum Astronomia

10 febbraio, la seconda serata

Venendo ora alla seconda serata di questa proposta, il 10 febbraio, con la Luna in fase di 5,8 giorni che dalle 18 circa si troverà a un'altezza iniziale di +45°, andando poi a tramontare poco dopo le 23. Seguendo il progressivo avanzamento del terminatore, estenderemo le osservazioni verso occidente in una regione solo da poche ore illuminata dalla luce del Sole.

Gartner

In prossimità del bordo nordorientale del mare Frigoris, merita una visita Gartner, un vasto cratere di 105 km di diametro proveniente dal Periodo Geologico Imbriano (da 3,8 a 3,2 miliardi di anni fa). Le sue pareti, poco elevate e notevolmente degradate, sono presenti esclusivamente sui lati nordovest, nord ed est, mentre da sudovest a sudest non ve n'è traccia, essendo tale zona inglobata nelle lave dell'adiacente mare Frigoris. Il fondo del cratere è relativamente pianeggiante e privo di rilievi montuosi, ad eccezione di una serie di basse colline raggruppate nel settore settentrionale. Oltre a innumerevoli piccoli craterini, si segnala Gartner-D con diametro di 8 km in posizione decentrata verso sudovest. Il settore orientale della platea è interessato dalla Rima Gartner, un sistema costituito da un segmento principale con andamento curvilineo e alcune diramazioni, infine dal piccolo cratere Gartner-D, si estende un solco in direzione ovest, il quale sembra confluire nella Rima Sheepshanks estesa verso occidente.

Democritus

A nord di Gartner, passiamo ora a Democritus, un cratere di 41 km di diametro la cui origine viene fatta risalire al Periodo Geologico Imbriano Superiore (da 3,8 a 3,2 miliardi di anni fa). Le

Riferimenti storici

Cratere Gartner: nome assegnato da Schroter nel 1802 dedicato al geologo tedesco Christian Gartner (1750-1813).

Cratere Democritus: nome dedicato al filosofo greco che intuì la vera natura della Via Lattea Democrito di Abdera (V sec. a.C.).

Cratere Kane: nome assegnato da Schmidt nel 1878 dedicato al medico ed esploratore statunitense Elisha Kent Kane (1820-1857).

Cratere Arnold: denominazione data da Schroter nel 1802 dedicata all'astronomo dilettante tedesco Cristoph Arnold (1650-1695).

Cratere Baillaud: nome assegnato da Lamèch dedicato all'astronomo francese Benjamin Baillaud (1848-1834) direttore degli Osservatori di Tolosa dal 1879 al 1907 e di Parigi dal 1908 al 1915. Diresse inoltre l'Osservatorio del Pic du Midi dal 1937 al 1947.