Coelum Astronomia 230 - 2019 - Page 126

Coelum Astronomia

126

Il crepuscolo astronomico è definito come l’intervallo di tempo dopo il tramonto o prima del sorgere del Sole, in cui vi siano ancora in cielo delle tracce di luce. Il crepuscolo astronomico termina quando spariscono anche le ultime tracce di luce ed inizia la notte astronomicamente intesa, il che capita quando il Sole raggiunge i 18° sotto l’orizzonte. Come istante (all’alba o al tramonto) è definito dall’istante in cui il Sole ha l’altezza –18° sull’orizzonte. Come intervallo di tempo (all’alba o al tramonto) è definito dall’intervallo di tempo che il Sole impiega a passare da 0° a –18° sull’orizzonte.

LA NOTTE ASTRONOMICA

I tempi, in TMEC, sono calcolati per una località a 12° Est e 42° Nord. Il crepuscolo astronomico inizia, o termina, nel momento in cui il Sole si trova 18° sotto l’orizzonte (vedi l’articolo all’indirizzo

www.coelum.com/articoli/risorse/il-crepuscolo).

FINE

CREPUSCOLO

SERALE

INIZIO

CREPUSCOLO

MATTUTINO

DURATA

NOTTE

ASTRONOMICA

DATA

Dic 01 18:21 11:20 05:41

06 18:21 11:24 05:45

11 18:21 11:28 05:49

16 18:23 11:30 05:53

21 18:25 11:31 05:56

26 18:28 11:30 05:58

31 18:31 11:28 05:59

Altre congiunzioni in breve

Riportiamo qui di seguito in forma sintetica tre belle congiunzioni tra la Luna e alcune stelle brillanti che si verificheranno nel corso del mese:

14 febbraio, ore 1:40 – Congiunzione tra la Luna (fase del 70%) e Aldebaran (2,4° ONO)

19 febbraio, ore 18:40 – Congiunzione tra la Luna Piena e Regolo (3,7° ENE)

23 febbraio, ore 00:45 – Larga congiunzione tra la Luna (fase del 75%) e Spica (7,3° N)

13 febbraio, ore 21:06

Congiunzione Marte e Urano

Già abbiamo visto i pianeti Marte (mag. +1,0) e Urano (mag. +5,8) protagonisti di una congiunzione il 10 febbraio, ma il loro moto apparente nella volta celeste li ha portati a stringersi ancor di più, fino a raggiungere uno stretto abbraccio che raggiunge il culmine proprio la sera del 13 febbraio, alle ore 21:06. In quel momento i due pianeti saranno separati di poco più di 1° (con Marte posto a nord di Urano). A far da contorno ci saranno le stelle dell’Ariete, di cui la HD 11257 (mag. +5,9) formerà un triangolo con i due pianeti. Più a sud vedremo invece la stella Omicron Piscium (mag. +4,2). Sarà un incontro molto bello da osservare al binocolo o al telescopio e soprattutto da riprendere in fotografia. Attendiamo le vostre immagini, caricatele nella nostra gallery PhotoCoelum!