Coelum Astronomia 230 - 2019 - Page 133

www.coelum.com

133

Italian Supernovae Search Project

(http://italiansupernovae.org)

SUPERNOVAE

A cura di Fabio Briganti e Riccardo Mancini

a

sfrecciare velocemente sulla volta celeste tanto che, partendo dalla Vergine, attraverso il Leone, il Cancro, la Lince e l’Auriga si trasferirà nel Perseo.

Incontrerà molte galassie nel suo percorso (ad esempio, il giorno 2 febbraio si troverà a poco meno di 2,5° dalla Galassia Sombrero; il giorno 10 febbraio sarà a meno di 1,5° da M 95 e M 96; il 13 febbraio sarà a pochi primi da NGC 2903) e, per finire degnamente febbraio, il 27 e il 28 raggiungerà una zona ricca di oggetti deep-sky nell’Auriga, tra cui M 36, M 38, la nebula IC 410 “Nebulosa Girino” e la “Nebulosa Stella Fiammeggiante”, cui si avvicinerà di più però nei primi giorni di marzo.

Anche in questo caso, come per la Wirtanen, l’osservazione potrà essere compiuta in orario comodo (a parte i primissimi giorni del mese).

Personalmente ho già avuto modo di darle un’occhiata l’11 gennaio, poco prima dell’alba, tramite il mio binocolone 20x90.

Pur vicina al passaggio in meridiano, era bassa, trovandosi nell’Idra. Oggetto non banale da estrarre dal fondo cielo, anche perché molto diffuso e senza apprezzabili condensazioni.

L’ho valutata vicina alla decima magnitudine con un diametro sui 5’.

Wirtanen: cronaca (personale) di un passaggio attesissimo

Nella scorsa rubrica avevo interrotto i miei report a due giorni dal massimo avvicinamento della Wirtanen al nostro pianeta. Riprendiamo da lì…

17 dicembre. Dopo qualche giornata di nuvole, riosservo la cometa nei pressi delle Pleiadi il giorno dopo il massimo avvicinamento alla Terra, con però la Luna ormai oltre il primo quarto che comincia a spargere il suo chiarore. L’oggetto è comunque rilevabile al binocolo 10x50 senza il minimo problema, come lo è anche nei giorni seguenti, pur annegato nell’intensa luce lunare.

26 dicembre. Posso riosservare la Wirtanen con il cielo buio, data la buona finestra prima del sorgere della Luna. Al binocolo 20x90 la individuo altissima. Ha ormai raggiunto i 50 gradi di declinazione positiva e si trova nell’Auriga. Mi pare in calo, dato che a occhio nudo la percepisco con molta fatica. Al binocolo 20x90 il suo aspetto non è cambiato, con il falso nucleo centrale che spicca e poi la chioma a strati sempre più diluita man mano che si va verso l’esterno.

1 gennaio 2019. Al binocolo 10x50 la cometa ha decisamente perso luminosità. Credo possa essere ormai vicina alla sesta magnitudine e tra la sua trasparente chioma si notano molte stelline. Non si vede più a occhio nudo.

5 gennaio. Al binocolo 20x90 decisamente bella e piuttosto condensata, con l’aspetto che sostanzialmente non cambia. A occhio nudo non riesco più a rilevarla.

10 gennaio. In indebolimento. La chioma si è ridotta e non noto falso nucleo.

15 gennaio. La Luna già oltre il primo quarto disturba molto con il suo chiarore, ma non cancella la Wirtanen che riesco a vedere nel piccolo binocolo 10x50 ancora piuttosto bene.

Mi fermo qui. Sicuramente le osservazioni continueranno ma ormai serviranno solo a registrare l’allontanamento e il conseguente indebolimento della cometa.

Grazie Wirtanen, ho paura che ti rimpiangeremo a lungo.

2° parte

di Claudio Pra