Coelum Astronomia 227 - 2018 - Page 34

Coelum Astronomia

34

Mascot missione compiuta!

MASCOT si è separato con successo dalla sonda Hayabusa2 alle 03:58 CEST (per una volta gli orari sono quelli del nostro fuso orario), e anche questa ulteriore fase della missione è andata a segno.

La sonda ha iniziato la sua discesa verso Ryugu il giorno prima, e nella pagina accanto vediamo due animazioni con le immagini riprese durante la discesa per avvicinarsi alla distanza di sicurezza di circa 51 metri, dalla quale ha rilasciato MASCOT. Il lander è poi sceso in caduta libera sulla superficie dell’asteroide. La gravità in gioco è molto bassa, motivo per cui la sonda può avvicinarsi così tanto senza rischiare di “cadere” a sua volta, facendo sì che la “caduta libera” per il lander sia in realtà molto dolce, più lenta di un uomo che cammina.

Il sollievo per il successo della separazione e la successiva conferma dell’atterraggio è stato evidente al centro di controllo MASCOT presso il Centro Aerospaziale Tedesco (Deutsches Zentrum für Luft- und Raumfahrt; DLR) e nella stanza adiacente: «Non poteva andare meglio», ha dichiarato il project manager di MASCOT Tra-Mi Ho del DLR Institute of Space Systems. «Dalla telemetria del lander, siamo stati in grado di vedere che si separava dalla sonda madre e che ha raggiunto la superficie dell’asteroide circa 20 minuti dopo».

Il momento della separazione era uno dei momenti più rischiosi della missione: se MASCOT

Sotto. Una delle prime immagini scattate dai rover MINERVA rilasciati dalla sonda giapponese Hayabusa2 sulla superficie dell’asteroide Ryugu. Quella che proponiamo qui sopra, molto dinamica, è stata catturata dal rover MINERVA-1A lo scorso 22 settembre alle ore 04:44 circa (ora italiana).

L’immagine mostra la superficie di Ryugu (sulla sinistra), registrata durante un salto compiuto dal rover. A destra si nota un riflesso dovuto alla luce solare. Crediti: JAXA