Coelum Astronomia 227 - 2018 - Page 16

16

Coelum Astronomia

Lancio fallito: atterraggio di emergenza per la Soyuz MS-10

di Redazione Coelum Astronomia

La mattina dell'11 ottobre scorso dal Cosmodromo di Baikonur era programmato il lancio della Soyuz MS-10, con a bordo il cosmonauta Alexey Ovchinin e l’astronauta americano Nick Hague, pronti per l’inizio della Expedition 57 a bordo della Stazione spaziale internazionale. Il lancio ha avuto però un problema al momento della separazione dei booster, e la capsula con i due astronauti ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza. Il malfunzionamento è avvenuto pochi minuti dopo il lancio, alle 10:40 ora italiana. Poco dopo è arrivata la notizia che le comunicazioni dal centro controllo di Mosca con i due astronauti erano state riallacciate e che i due stavano bene. La capsula è rientrata in caduta libera e il paracadute si è aperto come previsto facendola atterrare nel Kazakhstan, 20 km a est della città di Dzhezkazgan. Il recovery team ha raggiunto rapidamente gli astronauti già fuori dalla capsula e in buone condizioni.

Il rientro di emergenza, o "rientro balistico", fa parte delle modalità di rientro previste e ben testate per la Soyuz. In una vecchia intervista ad Astronautinews, l’astronauta italiano Roberto Vittori racconta di aver fatto ricorso a questa modalità in fase di rientro dalla ISS: «per l’equipaggio all’interno non è un atterraggio semplice e le operazioni di recupero sono più difficoltose perché bisogna trovarli e spostarsi dal punto di atterraggio previsto a quello dove effettivamente sono». Proprio come è accaduto anche in questo caso, in cui la Souyz è caduta a circa un’ora e mezza di distanza dal punto previsto dai soccorsi al momento dell’incidente.

I lanci Soyuz restano comunque tra i più affidabili, l’ultimo problema si è verificato il 5 aprile del 1975, ben 43 anni fa... In quel caso il lancio, diretto verso la stazione spaziale Salyut 4, è stato abortito all’istante T+295 e l’equipaggio a bordo si è messo in salvo, pur sperimentando in caduta una forza pari a ben 21G.

A sinistra. Una sequenza zoom del momento della separazione dei booster (immagini pubblicate su twitter da Chris B editor dell'account @NASASpaceflight). Pochi secondi dopo è arrivata la notizia di un problema che ha obbligato gli astronauti a un atterraggio di emergenza. A destra. L'equipaggio della Expedition 57 di ritorno a Baikonur dopo l'atterraggio di emergenza. Crediti: NASA/Bill Ingalls