Coelum Astronomia 227 - 2018 - Page 123

www.coelum.com

123

Sopra. Beta Arietis. La luce di due soli in stretta orbita tra loro: la principale una stella bianca, 2 volte più grande e 23 volte più luminosa; la secondaria una stella di tipo solare. Si trovano a 60 anni luce dalla Terra. Telescopio Remoto UAI (ASTRA #2, Newton, 800 mm/4 & SBIG ST10XME su Avalon M uno, Castiglione del Lago, PG). Giorgio Bianciardi.

Emisfero Ovest

Visualizza la Mappa del Cielo dell'Emisfero Ovest

(15 novembre, 22:00)

Guardando a Ovest

Cassiopea, Cefeo, Andromeda e Pegaso sono giunte ormai nell’emisfero occidentale. Ad accompagnare queste grandi costellazioni troviamo la piccola costellazione del Triangolo e l’Ariete. Cercando tra queste stelle con un binocolo, potremo ammirare Beta Arietis (mag. +2,60), una stella bianca, che possiamo vedere qui sotto al telescopio remoto UAI (ASTRA #2).

Al di sotto di Pegaso, possiamo osservare l’Acquario che si appresta a tramontare. Più a ovest, le costellazioni estive della Lira e del Cigno, con le piccole Freccia, Lucertola, Delfino, Volpetta, sono ormai molto basse. Altair (mag. +0,75) dell’Aquila sparisce all’orizzonte. Nonostante siano molto basse sull’orizzonte occidentale, è ancora possibile cercare, tra le stelle di queste costellazioni distribuite sulla Via Lattea estiva, le innumerevoli nebulose di idrogeno caratterizzate dalla loro emissione nella luce rossa dell’idrogeno.

Ecco nella prossima pagina al telescopio remoto UAI (ASTRA #2) i delicati veli che si disseminano a sud di Sadr (gamma Cigni, mag. +2,20), la stella centrale della croce del Cigno.