Coelum Astronomia 227 - 2018 - Page 106

Coelum Astronomia

106

Dopo la cometa “interessante ma modesta” ecco invece quella su cui puntare tutte le proprie fiches sotto forma di speranze. In attesa dell’auspicato show previsto a fine 2018, la 46P/Wirtanen comincia decisamente ad “accendersi” andando incontro, in novembre, a un’auspicabile buona crescita che dall’iniziale ottava-nona magnitudine la porterà probabilmente attorno alla sesta.

L’oggetto ha un periodo orbitale di cinque anni e mezzo circa, e dunque non sono infrequenti i suoi passaggi dalle nostre parti, anche se non è mai assurta al ruolo di cometa importante come invece potrebbe rivelarsi stavolta (ma la prudenza è sempre d’obbligo).

Fu scoperta dall’astronomo americano Carl Alvar Wirtanen, il 17 gennaio 1948, ma da quel tempo a oggi la sua orbita ha subìto sostanziali variazioni a causa di alcuni incontri ravvicinati con Giove, che l’hanno costretta a passaggi sempre più vicini al Sole e, stavolta, anche alla Terra, dalla quale la separerà una distanza di circa 12 milioni di chilometri nel momento di massimo avvicinamento.

In novembre dovrebbe proporci un interessante antipasto, anche se la sua posizione non sarà favorevolissima (lo diventerà nel corso di dicembre) trovandosi immersa nel cielo australe tra Fornace e Balena a declinazione fortemente negativa ma in miglioramento (passerà da –33° a –20°). Proprio perché bassa in cielo andrà preferibilmente osservata nel momento della culminazione che avverrà prima di mezzanotte.