Coelum Astronomia 226 - 2018 - Page 64

Coelum Astronomia

64

Mercurio, il primo pianeta del Sistema Solare

Mercurio è il primo pianeta del Sistema Solare, quello più vicino al Sole. Come tutti gli altri pianeti orbita in senso diretto, a una distanza media di 0,3871 UA con un periodo siderale di 87,969 giorni terrestri. L’eccentricità orbitale è piuttosto elevata, con un valore di 0,205 è seconda solo a quella di Plutone (0,249) e ben 15 volte superiore a quella dell’orbita terrestre. Visto da Mercurio, il Sole ha un diametro apparente medio di 1,4° (2,8 volte superiore a quello visibile dalla Terra), ma arriva fino a 1,8° durante il passaggio al perielio.

Il diametro del pianeta misura 4.879 km, paragonabile a quello della Luna (3.476 km), e 2,6 volte inferiore a quello terrestre. A dispetto delle piccole dimensioni geometriche, la massa di Mercurio è 4,4 volte quella del nostro satellite, con il risultato che la densità media è una fra le più alte dei pianeti del Sistema Solare: 5,43 g/cm3. Solo la Terra è leggermente più densa. La rotazione di Mercurio attorno al proprio asse avviene in senso diretto (antiorario se visto dal polo nord dell’eclittica), e ortogonale al suo piano orbitale (l’inclinazione è di soli 0,1° con un’incertezza del 10%): non esistono le stagioni come sulla Terra o su Marte.

Il periodo di rotazione di Mercurio è di 58,646 giorni terrestri, pari a due terzi del suo periodo orbitale: ogni tre rotazioni sul proprio asse il pianeta compie due orbite attorno al Sole. Quello di Mercurio è stato il primo esempio di risonanza 2:3 scoperto nel Sistema Solare. La misura del periodo di rotazione di Mercurio è relativamente recente. Inizialmente, i disegni del pianeta fatti da J. H. Schröter portarono F. Bessel a calcolare, nel 1813, un periodo di 24h 0m 53s. Questo valore fu smentito dalle osservazioni di G. V. Schiaparelli dal 1880 al 1889, che dedusse un periodo di 88

Mercurio e la Terra a confronto.