Coelum Astronomia 226 - 2018 - Page 56

Coelum Astronomia

56

Crediti: DLR.

Il Ritorno a casa

Ecco SRC, il “disco volante” che porterà a Terra i campioni dell’asteroide

di Michele Diodati

Tutti i sistemi e gli automatismi descritti nei precedenti articoli, studiati per portare tre volte Hayabusa2 sulla superficie di Ryugu a catturare campioni di suolo, saranno stati inutili, anche se avranno funzionato alla perfezione, se non si riuscirà infine a recapitare sulla Terra quei preziosi frammenti provenienti dalla superficie dell’asteroide.

Se tutto andrà secondo il programma e non si presenteranno imprevisti, il viaggio di rientro della sonda comincerà nel dicembre 2019 e il prezioso carico sarà fatto atterrare sulla Terra un anno più tardi, nel dicembre 2020. Ma come sarà possibile far giungere intatti e inalterati i campioni di Ryugu dall’orbita terrestre alla superficie? Ecco dove entra in gioco il Sample Return Capsule.

SRC (acronimo dall’inglese di Sample Return Capsule) è la capsula per il rientro dei campioni raccolti, ed è costruita come una sorta di disco volante, con diametro massimo di 40 cm, altezza di 20 cm e massa totale di 16,5 kg. Al centro della capsula, assieme ai componenti elettronici, è alloggiato il contenitore dei campioni, mentre esternamente c’è l’anello che contiene il paracadute. Il resto della capsula è formato da uno scudo termico in resina fenolica rinforzata al carbonio.

L’SRC verrà sganciato da Hayabusa2 attraverso una molla elicoidale, che impartirà alla capsula una rotazione in grado di stabilizzarne l’orientamento. È molto importante, infatti, che l’SRC impatti contro gli strati superiori dell’atmosfera terrestre con un angolo di 12 gradi, tale da impedire alla capsula di rimbalzare fuori e di assicurare allo stesso tempo una cattura non troppo violenta.

L’SRC sarà rilasciato dalla sonda otto ore prima dell’ingresso in atmosfera, per consentire una manovra di fuga ad Hayabusa2, che dovrà allontanarsi su un’orbita eliocentrica per evitare di precipitare sulla Terra insieme alla capsula.

Il paracadute dell’SRC si aprirà a una quota di più o meno 10 km e contestualmente verrà attivato il