Coelum Astronomia 226 - 2018 - Page 148

con strumenti più complessi. Ho anche partecipato, assieme ad altri gruppi, alla stima visuale delle stelle variabili tipo RVTauri, alla determinazione dei tempi di occultazioni lunari ecc. Da alcuni anni faccio parte dell’associazione GRA (Gruppo Ricerche Astronomiche) insieme al team dell'Osservatorio di Monte Agliale nel progetto Masacas.

2. Quando hai iniziato la ricerca di supernovae extra galattiche?

Fabrizio: già nei primi anni in cui l'Osservatorio di Monte Agliale divenne operativo (metà anni '90) ci dedicammo all'attività di ricerca di supernovae. Allora, tuttavia, lo strumento utilizzato (un riflettore da 50 cm di apertura) non era equipaggiato con efficienti motorizzazioni e dunque riuscivamo a riprendere solo pochi campi

per notte. Successivamente, il telescopio venne "ammodernato" e, nel contempo, realizzammo la completa remotizzazione della struttura. Il punto di svolta arrivò nel 2007, quando entrò in funzione il programma di automazione e realizzai, in condivisione con l'amico Sauro Donati, la mia prima scoperta: la supernova 2007ru.

La struttura dell’Osservatorio di Monte Agliale (LU).

Coelum Astronomia

148