Coelum Astronomia 226 - 2018 - Page 133

L'opposizione di (4) Vesta

www.coelum.com

133

Urano in Opposizione: osserviamolo e tentiamo la ripresa

Sebbene sia sufficiente già un buon binocolo per individuarlo, Urano, assieme con l’ancora più remoto Nettuno, rappresenta di certo una dura sfida per chi desideri riprenderlo. Urano e Nettuno infatti sono spesso trascurati dagli amatori perché conosciuti come irraggiungibili e privi di dettagli. Eppure, l’evoluzione della tecnologia consente oggi di raggiungere livelli di dettaglio impensabili fino a pochi anni fa. Disponendo di un telescopio di almeno 25 cm di diametro, è possibile ottenere dei risultati di grande soddisfazione. Di certo non si può pensare di scattare fotografie ricche e dettagliate come quelle che abbiamo visto in occasione della recente opposizione marziana dello scorso 27 luglio, ma cosa possiamo sperare di registrare, sfruttando anche l’opposizione del pianeta?

Urano compie un’orbita attorno al Sole ogni 84 anni circa e raggiunge l’opposizione ogni 370 giorni. La prossima opposizione avverrà il 24 ottobre.

Alle ore 23:00, a metà mese, troveremo Urano già piuttosto alto in cielo (circa 45°) in direzione sudest. Sebbene si trovi a poca distanza dalle stelle dei Pesci (circa 3° a nordest della stella Omicron Psc, mag. +4,3), esso si trova ancora entro i confini della costellazione dell’Ariete, dove rimarrà per tutto ottobre. Per individuarlo conviene quindi riferisi alla stella appena menzionata dei Pesci piuttosto che alle stelle dell’Ariete. Avremo a disposizione tutta la notte per osservare il lontano pianeta ma per la ripresa conviene di certo attendere le ore centrali della