Coelum Astronomia 225 - 2018 - Page 78

Coelum Astronomia

78

materia e antimateria nell’Universo, ragione per cui oggi noi e tutto quello che vediamo siamo fatti di materia e non del suo opposto. Inoltre, i neutrini possono darci informazioni sulle zone più remote dell’Universo, irraggiungibili altrimenti, perché sono le uniche particelle in grado di attraversare indisturbate intere galassie, facendoci viaggiare indietro nel tempo addirittura fino al Big Bang.

Tutti i Numeri di IceCube

Il rivelatore di neutrini IceCube è immerso nei ghiacci del Polo Sud, presso la stazione Amundsen–Scott, in Antartica. È stato costruito per osservare neutrini provenienti dal cosmo e studiare, attraverso queste particelle, l’esplosione di stelle, i gamma-ray burst, i buchi neri e le stelle di neutroni. L’esperimento ha come obiettivo quello di dare risposta a grandi domande ancora aperte come la natura della materia oscura, le proprietà dei neutrini e quelle dei raggi cosmici che interagiscono con l’atmosfera terrestre.

Il rivelatore è formato da una parte in superficie, chiamata IceTop, e una parte immersa nei ghiacci, tra 1.450 e 2.450 metri di profondità, per un volume totale di un chilometro cubo.

La parte immersa è costituita da una serie di sfere contenenti fotomoltiplicatori, rivelatori elettronici in grado di rivelare anche singoli fotoni. Questi sensori sferici, chiamati Digital Optical Modules (DOM), sono disposti in pozzi verticali, attaccati a delle “stringhe”, ognuna con 60 sfere, distanziate 17 metri una dall’altra. Le stringhe sono disposte su una griglia esagonale. Tra una stringa e l’altra c’è uno spazio di 125 metri. Nella zona centrale, chiamata DeepCore, i sensori sono posti in una configurazione più densa, con soli 7 metri di distanza tra un DOM e l’altro su una stringa e una separazione orizzontale di 70 metri tra una stringa e l’altra. DeepCore è sensibile anche a neutrini di più bassa energia.

IceTop, la parte in superficie, consiste di una stazione per ogni stringa sommersa. Ogni stazione è formata da due taniche, ciascuna equipaggiata con due DOM. IceTop ha una funzione di veto e calibrazione, e serve anche per lo studio dei raggi